In Arabia Saudita al Caffe’ Starbucks ingresso vietato alle donne

starbucks-in-saudi-arabia

Il Comitato saudita per la promozione della virtu’ e la repressione del vizio ha chiesto al personale di un caffe’ della nota catena Sturbucks di vietare l’accesso alle donne. E’ successo a Riad, come riportano varie fonti internazionali. Il muro di separazione che, all’interno del locale, serviva a separare la clientela maschile da quella femminile, e’ stato rimosso in seguito a un incidente, da cui la decisione delle autorita’ di intervenire. Tale muro di separazione e’ infatti obbligatorio per legge nei luoghi pubblici, e laddove manchi, la promiscuita’ e’ vietata.

“Le donne sono pregate di non accedere al locale, ma di inviare il loro autista per ritirare l’ordinazione”. Questo l’avviso che adesso e’ affisso alla porta d’ingresso del caffe’ – in arabo e in inglese – da lunedi’ scorso. La multinazionale americana si e’ poi affrettata a diffondere un comunicato nel quale si assumeva l’impegno a “ristrutturare il locale” in modo da accogliere i clienti “in conformita’ con le tradizioni locali”.

Uno Starbucks di Riad si e’ rifiutato di servirmi solo perche’ sono una donna, e mi ha chiesto di mandare un uomo al mio posto“, ha raccontato una cliente saudita sul suo profilo Twitter. Il fatto che alle donne sia vietato guidare, spiega il riferimento del cartello al fatto di “inviare il proprio autista”.

7 Feb 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»