Perché tenere Hodl, il momento giusto per le criptovalute

L'instabilità dei mercati coinvolge anche le cosiddette criptovalute, ma ci sono strategie precise sul momento giusto per investire.

ROMA – Criptovalute, hodl e mercati: le novità degli ultimi tempi possono portare diversi trader verso un rinnovato interesse per questo tipo di investimento.

Gli scossoni che stanno investendo i mercati coinvolgono anche le cosiddette criptovalute che, infatti, da circa un anno si trovano in un trend negativo.

Quando investire nel mercato delle criptovalute?

Investire nelle monete virtuali non è semplice, dato che bisogna conoscere bene il settore finanziario di riferimento, e le strategie di compravendita: quella dell’holding chiamata hodl è una delle migliori.

È necessario individuare un buon momento per investire su una criptovaluta, come questo dai prezzi molto bassi. Una volta acquistata si dovrà conservarla per un periodo abbastanza lungo, in modo che possa essere apprezzata e mutare nel suo valore, al rialzo.

Seguendo le notizie si può pensare che, nonostante l’instabilità e l’incertezza, particolarmente sentite nel settore delle monete virtuali, questo sia un ottimo momento per acquistare. I prezzi si presentano molto bassi, e le valute si possono comprare a costi convenienti, con un potenziale notevole per ottenere il massimo dall’investimento per chi vuole acquistare e tenere hodl.

Il rischio nel mercato delle criptovalute è molto alto, ma questa caduta negli ultimi 12 mesi può essere un’occasione di investimento, analizzando i dati storici e le tendenze – tenendosi aggiornati soprattutto sugli scenari possibili, soprattutto quelli molto probabili.

Il dominio dei Bitcoin (BTC), ad esempio, ad oggi esercita una sua presa sui mercati ed è probabile che inizierà a recuperare tramite la tipica corsa al rialzo dopo la fine del crollo. Con prezzi così bassi molti investitori di regola rimettono denaro contante in circolazione, causando di nuovo un aumento di valore.

Avviare un’azione hodl di acquisto criptovalute per non venderle (mantenerle durante un periodo di tempo nonostante gli sviluppi altalenanti), rappresenta un approccio vincente per chi è in grado di analizzarne l’andamento. Una strategia di trading a lungo termine e una vera e propria filosofia per gli investitori di monete virtuali – quelle con una capitalizzazione di mercato efficace sono:

Bitcoin

Bitcoin Cash

Ethereum

Litecoin

Ripple

Dash.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di Hodl?

Un’azione hodl permette di acquistare la criptovaluta con un investimento a lungo termine, una posizione Long, tenendola in portfolio, con la speranza che nel tempo venga apprezzata. Ovviamente, in molti consigliano di non acquistare una sola criptovaluta, ma diverse per diversificare il paniere e bilanciare il proprio investimento, tra le perdite di una che va male e i guadagni di un’altra che va bene – in grado di coprire le perdite e a mantenere l’investimento iniziale in attivo.

Inoltre, tenendo le criptovalute, si risparmiano le commissioni al broker o all’exchange per aprire e chiudere continuamente le posizioni. Per questo, la tenuta hodl delle monete virtuali rappresenta un’ottima strategia anche con poco reddito, perché anche a fronte di con un investimento di qualche centinaia di euro, è possibile acquisire un discreto profitto annuale.

Per investire in criptovalute occorre analizzare sempre tramite il Coin Market Cap, ovvero la quotazione delle valute virtuali che consente di comprendere le tendenze anche di medio corso, se abbinata con analisi economiche e finanziarie globali.

È fondamentale individuare un buon prezzo per entrare nel mercato e aprire una nuova posizione, se non per rafforzare una posizione già acquisita.

Per capire quali sono le monete virtuali che saranno apprezzate nel tempo, è necessario anche tenere conto delle criptovalute non quotate nel Coin Market Cap, e tenere d’occhio i token (criptovalute allo stato “embrionale” ICO – Initial Coin Offering) su cui alcuni investitori puntano, ricevendo in cambio denaro virtuale.

Ogni token e ogni criptovaluta, in ogni caso parte da un progetto tecnologico di moneta virtuale, e per comprendere al meglio quali saranno apprezzate, è necessario comprendere se il progetto che rappresentano sia valido e stia crescendo nel tempo. Serve, quindi, una capacità di comprensione delle innovazioni digitali in atto nel mondo delle valute.

È ideale investire sulle piattaforme di trading durante la fase iniziale ICO, quindi, oltre a saper scegliere il momento opportuno per investire per le valute già stabilmente sul mercato.

Ricordiamo che le monete virtuali possono fluttuare ampiamente nel prezzo, anche perché il trading di criptovalute non è controllato da nessun quadro normativo della UE. Si tratta, infatti, di monete virtuali decentralizzate, ovvero che non rientrano sotto il controllo degli istituti finanziari o dei governi nazionali.

Per chi decida di convertire i propri euro in criptovalute come Bitcoin o Ethereum, questo momento è ottimale, anche grazie alle novità del settore, che avvengono a livello politico ed economico.

L’Ohio permette di pagare le tasse in Bitcoin

È diventato il primo degli Stati Uniti a consentire il pagamento delle imposte tramite Bitcoin: da pochi giorni tutte le aziende dell’Ohio potranno saldare le tassazioni tramite criptovaluta, dalla tassa sulle vendite di tabacco alla ritenuta fiscale dei dipendenti.

Una volta che le aziende saranno registrate sul portale dedicato OhioCrypto.com, potranno inserire i dati fiscali e l’importo del pagamento, che sarà così saldato in Bitcoin, utilizzando un portafoglio crittografico considerato compatibile con il portale. Una piccola rivoluzione che consente di alzare l’asticella della diffusione delle criptomonete – in questo caso convertite in dollari per la tesoreria dello stato, ma valide come monete di pagamento a tutti gli effetti.

Se ora la struttura è disponibile solo per le imprese, si prevede che verrà resa disponibile in futuro anche per le persone, e che si diffonderà anche in altri stati americani.

La Svizzera approva il primo ETF bitcoin

Tra le altre novità internazionali, c’è la notizia per cui inizia in questi giorni la sua negoziazione sul mercato svizzero il Bitcoin ETF $ HODL (Amun Crypto).

I guadagni dell’ETF saranno collegati a cinque diverse criptovalute, e il trading si svolge su Six Swiss Exchange, la principale borsa della Svizzera e la quarta in Europa. L’indice traccia i movimenti delle cinque principali criptovalute, e si prospetta che circa la metà delle attività dell’ETF sarà investita in Bitcoin, mentre il resto sarà destinato al Bitcoin Cash, XRP, Ethereum e Litecoin.

Il Financial Times ha evidenziato l’arrivo dell’ETF proprio nel momento del calo più basso del prezzo BTC di $ 3721,52 (+ 0,39% in oltre un anno), e ci si aspetta che la negoziazione in borsa, faciliti l’acquisto istituzionale di Bitcoin.

Un altro passo verso l’affermazione e l’apprezzamento delle criptovalute a livello globale.

Leggi anche:

6 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»