Calabria, il presidente Oliverio indagato per abuso d’ufficio

REGIO CALABRIA – Saranno interrogati tra il 12 e il 14 novembre alla Procura di Catanzaro il governatore della Calabria, Mario Oliverio, gli assessori regionali Francesco Russo, Roberto Musmanno, Francesco Rossi, Antonella Rizzo e Mariateresa Fragomeni, iscritti nel registro degli indagati insieme ai dirigenti della giunta regionale, Sergio Tassone e Bruno Zito. Le ipotesi di reato formulate dal pm, Valerio Vito, sono due: abuso d’ufficio e falso ideologico per il cosiddetto ‘caso Salvatore Lopresti’, il dirigente della giunta regionale sospeso dal servizio a causa di una indagine relativa ad un bando sull’elisoccorso, finito ai domiciliari, ma nuovamente richiamato in servizio con l’approvazione di una delibera dello scorso 24 settembre.

La Procura catanzarese, coordinata da Nicola Gratteri, da tempo al lavoro sul caso ha anche ipotizzato, per i dirigenti, Sergio Tassone e Bruno Zito, i reati di falsa attestazione nella istruttoria della delibera.

6 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»