Toscana

Rossi: “L’Italia di mezzo (Marche, Umbria e Toscana) e’ la Regione con piu’ peso in Europa”

enrico rossiFIRENZE – “Mettere insieme” Toscana, Umbria e Marche per dare più peso specifico in Europa alle istanze dell’Italia centrale. Enrico Rossi, il governatore toscano, è deciso a traslare questo orizzonte, un manifesto politico-amministrativo che chiama “Italia di mezzo”, nelle dinamiche di Bruxelles. “In Europa- dice a margine della conferenza delle Regioni periferiche e marittime Ue, in corso al palazzo degli Affari a Firenze- incontriamo regioni di grande peso: in Spagna saranno in tutto una quindicina, in Francia le hanno ridotte a 12, in Germania ci sono la Baviera e la Renania. Noi invece ci presentiamo alle discussioni europee malmessi. E andare così sparpagliati alla fine vuol dire contare poco nel dibattito sulle le grandi scelte“.

Per questo, continua, “mettere insieme la Toscana, l’Umbria e le Marche credo sia la mossa da fare, anche in rapporto ai cambiamenti introdotti dalla riforma del titolo quinto della Costituzione. Questa battaglia la faccio volentieri. Il mondo cambia e non si può star fermi, bisogna guardare al futuro forti del nostro passato”. Anche perché, se la guardiamo dal punto di vista dei campanili, “poi ognuno resterà toscano, umbro e marchigiano. Però queste regioni hanno un paesaggio, un’agricoltura, caratteri culturali e sociali per tanti aspetti simili”.

6 novembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»