Vaccini, “Sul Titano nessuna emergenza per turismo scolastico”

SAN MARINO – L’emergenza per il turismo scolastico no vax sul Titano “non sussiste”.

Il segretario di Stato per l’Istruzione della Repubblica di San Marino, Marco Podeschi, interviene per smentire ogni rischio sulla possibilità di un turismo scolastico sotto le tre torri, per evitare le vaccinazioni obbligatorie introdotte in Italia. Tale rischio è stato sollevato anche dalle parole del deputato romagnolo Sergio Pizzolante (Ap).

Diversamente, l’iscrizione alle scuole sammarinesi di non residenti, puntualizza il segretario di Stato in una nota, è regolamentata per legge, “dalla Delibera del Congresso di Stato n. 48 del 30 giugno 1997”. In base al provvedimento, le Direzioni scolastiche possono accogliere domande di iscrizione di alunni non residenti “ma con cittadinanza sammarinese- precisa la nota- di studenti con permesso di soggiorno e di allievi che risiedono in zone immediatamente limitrofe ai confini della Repubblica di San Marino”. Altre domande possono poi essere accolte “previa autorizzazione del Congresso di Stato- prosegue- e riguardano particolari e limitate situazioni”.

Inoltre, “per l’anno scolastico 2017/2018- assicura Podeschi- ci si è attenuti ai criteri sopracitati, respingendo domande che presentavano situazioni e motivazioni non contemplate nella delibera del governo”. In particolare, nella Scuola Secondaria Superiore che, per ragioni di reciprocità con la Repubblica d’Italia, ha avuto sempre come iscritti diversi studenti non residenti che vivono in zone non limitrofe, “la percentuale di domande pervenute- sottolinea- è stata in linea con gli anni precedenti”. In conclusione, Podeschi fa sapere che rispetto le iscrizioni di non residenti nelle scuole sammarinesi “non sussiste nessuna situazione emergenziale”.

Non solo: “Ogni atto- assicura- sarà sempre condotto in stretta cooperazione con le autorità italiane, nel rispetto delle normative della Repubblica di San Marino e della Repubblica d’Italia”.

6 Settembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»