AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Comune, Berdini: “Tempesta perfetta su classe dirigente improvvisata”

campidoglio (1)ROMA – “In Campidoglio sta succedendo una tempesta perfetta. E’ una situazione molto delicata da cui ci vorra’ molta determinazione e soprattutto molta onesta’ intellettuale per uscire. Una classe dirigente non si improvvisa. Il problema fondamentale e’ che una parte fondamentale di una classe dirigente aveva dato il suo assenso a lavorare con la Giunta Raggi, mi riferisco ovviamente alla Raineri e Minenna, e sono stati costretti alle dimissioni. Quindi c’e’ qualcosa da ricucire, da ripensare profondamente”. Lo ha detto l’assessore capitolino all’Urbanistica, Paolo Berdini, intervenendo ai microfoni di Radio Anch’io. “Se ieri mi stavo dimettendo? No, bisogna mantenere molto fredda la tensione, pero’ ci sono dei problemi giganteschi sul tappeto e mi sembra innegabile per qualsiasi persona di buonsenso”, ha aggiunto Berdini.

BERDINI: MARRA SIA MESSO IN CONDIZIONE DI NON NUOCERE

“E’ certo che c’e’ un malessere profondo che va assunto dal punto di vista etico del governo della cosa pubblica. Se si parte da li’ c’e’ una nuova fase, altrimenti cambia tutto. Virginia RaggiMi riferisco al gesto, molto poco condiviso da me, di mandare una lettera all’Anac di Cantone in merito al contratto della Raineri: evidentemente e’ stato pensato da qualcuno. Mi riferisco ovviamente a Raffaele Marra, ispiratore di queste scellerate lettere: bisogna fare i nomi, in Campidoglio parlano le oche, parlano anche i muri. Chi fa un gesto cosi’ eversivo dal punto di vista della gestione della cosa pubblica credo vada messo nelle condizioni di non nuocere. Deve sicuramente fare un passo indietro, se e’ vero quello che dicono le oche del Campidoglio”. Lo ha detto l’assessore capitolino all’Urbanistica, Paolo Berdini, intervenendo ai microfoni di Radio Anch’io. “Ci sono molti modi per comporre anche dissensi di merito, perche’ questa e’ la vita democratica all’interno di compagini politiche e amministrative complesse come Roma, pero’ vanno affrontate con gli strumenti giusti- ha sottolineato Berdini- Non e’ possibile che qualcuno pensi che ci siano delle scorciatoie mandando lettere all’Anac di Cantone. Se questa persona ha fatto queste scorciatoie penso che il sindaco Raggi abbia il dovere di richiamare all’ordine questa persona e magari di trasferirla ad altre piu’ modeste mansioni”.

ROMA 2024. BERDINI: CITTÀ IN FALLIMENTO, LE OCCASIONI VANNO COLTEolimpiadi

“Io ho posto una questione: Roma ha 13 miliardi e mezzo di deficit, e’ una citta’ fallita. Ha piovuto tre giorni fa e non siamo stati in grado di fare l’emergenza e le strade sono andate sott’acqua, questa e’ Roma. Se c’e’ l’occasione di fare un progetto complessivo su Roma io credo che sia doveroso farlo per un’amministrazione di nuova nomina. Se lo strumento per finanziarlo possono essere le Olimpiadi, ma questo dipende soltanto da chi all’inizio aveva pensato i Giochi in una maniera troppo speculativa, allora ben vengano le Olimpiadi, altrimenti troveremo altre fonti di finanziamento. L’importante e’ avere un’idea di Roma condivisa e che faccia ritornare la fiducia, che io non sento. E’ una citta’ che ha avuto Mafia Roma, avuto meta’ dei consiglieri indagati o in galera e quindi bisogna darle una scossa”. Lo ha detto l’assessore capitolino all’Urbanistica, Paolo Berdini, intervenendo ai microfoni di Radio Anch’io.

06 settembre 2016

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988