AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE calabria

Migranti, Sculco: “Situazione delicata anche a Crotone”

REGGIO CALABRIA – “Mai un’ondata di migrazione cosi’ grossa si era verificata negli ultimi dieci anni, il governo credo debba fare qualcosa. Ignorano le difficoltà che i nostri territori stanno vivendo i quali con grande senso di appartenenza stanno accogliendo i migranti. Pero’ devono essere aiutati”. Lo ha affermato all’agenzia Dire, Flora Sculco, consigliera regionale calabrese, gruppo Calabria in rete, e riferimento del territorio crotonese.

“La situazione e’ grave in particolare a Crotone – ha ancora affermato la Sculco – dove c’e’ stata una recente inchiesta giudiziaria che ha travolto un ente che si occupava dei fenomeni migratori, mi riferisco alla Misericordia che sta tutt’ora operando in quanto commissariata”. “La situazione resta delicata, e’ necessario che si intervenga subito, faccio presente che nel nostro territorio arrivano un numero enorme di minori non accompagnati e di questo se ne devono fare carico le amministrazioni comunali.

Le strutture in provincia non sono sufficienti per poterli ospitare. Su questa delicata vicenda c’e’ bisogno di avere una grande mano”. “Un episodio che mi ha particolarmente colpito si e’ verificato qualche settimana fa – ha ancora dichiarato Flora Sculco – con lo sbarco di alcuni migranti e tra questi anche le salme di quattordici persone di cui sette bambini che sono stati inizialmente coperti, cosi’ come ci era stato richiesto, con un velo sulla banchina del porto”.

“Il Sindaco di Crotone, Ugo Pugliese, non ha voluto accettare una condizione simile, che era da fare accapponare la pelle, e abbiamo sentito il dovere di dare una degna sepoltura a questi bambini, chiedendo la disponibilita’ ai comuni del crotonese nei loro cimiteri”. “Questo e’ il fenomeno grave che sta avvenendo nei nostri territori – ha concluso Flora Sculco – lo Stato deve aiutarci e chiedere sostegno all’Europa che su questo tema si e’ completamente assentata”.

06 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988