Famiglie dell’Emilia-Romagna più povere, cala la spesa mensile

SOLDI (1)

BOLOGNA – Le famiglie emiliano-romagnole hanno stretto la cinghia. Tra il 2007 e il 2014 hanno ridotto la spesa mensile di 85 euro. Del resto, il reddito pro-capite lungo la via Emilia nello stesso periodo si è contratto di 2.000 euro circa all’anno per effetto della crisi (-9,1%). Un trend negativo proseguito anche nell’ultimo anno, con una diminuzione dell’1,4% su scala regionale.

In valori assoluti, tuttavia, il reddito disponibile nella regione (20.005 euro nel 2014) si attesta al di sopra della quota media nazionale (16.693). I consumi familiari hanno quindi seguito la dinamica del reddito. In particolare, in Emilia-Romagna la spesa media familiare è diminuita del 2,8% tra il 2007 e il 2014, attestandosi complessivamente a 2.883 euro mensili: un importo leggermente superiore alla media del Nord Est (2.790 euro) e dell’Italia (2.489 euro).

6 Luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»