Basilicata: 9,4 milioni per migliorare la rete degli acquedotti rurali

basilicata acquedottoSono 9,4 i milioni di euro che la Regione Basilicata ha stanziato per sostenere l’ammodernamento e l’adeguamento funzionale della rete acquedottistica rurale a servizio delle imprese agricole e forestali. Lo comunica l’assessore alle Politiche agricole, Luca Braia: “Per la Misura 125 abbiamo accelerato l’istruttoria per non aggravare ulteriormente le condizioni di spesa a carico dei Comuni che saranno costantemente monitorati per effettuare le opere e rendicontarle”, spiegando che la Regione “ha aumentato i fondi a disposizione di altri 4,4 milioni, facendo passare le disponibilità da 5 milioni di euro a 9,4 milioni”.

La Misura si applica su tutto il territorio regionale e vede tra i beneficiari i Consorzi di bonifica, i Comuni o altri enti pubblici e loro associazioni. Tra le linee di azione, che prevedono un’intensità di aiuto con contributi in conto capitale sino al 100 per cento del costo totale ammissibile, vi sono quelle di investimenti relativi alla infrastrutturazione irrigua attraverso l’adeguamento, la ristrutturazione e l’efficientamento delle reti irrigue secondarie (non aziendali), anche in ambito consortile e con strumenti innovativi di gestione e controllo, comprese le reti di adduzione, le vasche di accumulo, i sistemi di sollevamento. Oltre che la realizzazione di acquedotti rurali a beneficio di un considerevole numero di aziende agro-forestali, compresiluca braia2 interventi finalizzati al miglioramento della qualità delle acque  sotto l’aspetto igienico sanitario.

La dichiarazione giunge a margine dell’approvazione del provvedimento da parte della Giunta regionale che ha ammesso a finanziamento ventinove pratiche rientranti nel bando della Misura 125 Azione 1B inerente “Infrastrutture connesse allo sviluppo e all’adeguamento dell’agricoltura e della selvicoltura-rete acquedottistica rurale”.

di Mario Piccirillo – Giornalista Professionista

6 Lug 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»