Ucciso in studio medico a Roma, pazienti sotto shock; Asfalto sigillante sgretolato, Gatta: chi polemizza è ignorante

UCCISO IN STUDIO MEDICO A ROMA, PAZIENTI SOTTO SHOCK 

Sono sotto shock i pazienti dello studio medico, a Colli Aniene, dove ieri pomeriggio si e’ consumata la tragedia della morte di un sessantottenne, ucciso nella sala d’attesa da un proiettile esploso per errore da una guardia giurata che si trovava li’ per una visita. Davanti alla porta dello studio, al primo piano del caseggiato in viale Palmiro Togliatti 1640, c’e’ poca voglia di parlare e regna l’incredulita’ per quanto accaduto. Secondo fonti vicine a chi indaga, sarebbe stato il medico a chiedere alla guardia giurata, che si trova ora nel carcere di Regina Coeli, di mostrargli la pistola, una Glock senza sicura e con il colpo in canna.

ASFALTO SIGILLANTE SGRETOLATO, GATTA: CHI POLEMIZZA È IGNORANTE 

A ventiquattr’ore dai lavori di manutenzione con il nuovo asfalto sigillante, le strade del III e dell’VIII Municipio presentano ancora buche e avallamenti. L’uso della gilsonite, il prodotto utilizzato per rinsaldare l’asfalto esistente, sembra non aver sortito gli effetti sperati. L’assessore comunale ai Lavori pubblici, Margherita Gatta, ha difeso la sua scelta: “Le polemiche sono pretestuose e artificiose perche’ dimostrano ignoranza e malafede assoluta. Ho fatto venire questo prodotto dall’America dove funziona benissimo sia sulle strade che sulle piste degli aeroporti” ha spiegato Gatta, sottolineando inoltre che “tantissimi cittadini scrivono per ringraziare del lavoro che stiamo facendo”.

A PARCO TALENTI SCRITTE CONTRO RAGGI: “SONO VANDALI E IMBECILLI” 

‘Raggi non sei benvenuta’, ‘Raggi vattene’. Sono alcune delle scritte apparse nella notte sulla pavimentazione e sui nuovi giochi per bambini installati nell’area verde appena riqualificata al Parco Talenti, nel III Municipio. “Sono vandali vigliacchi e imbecilli che vengono a vandalizzare aree pubbliche a beneficio di cittadini e bambini” ha commentato il sindaco di Roma, Virginia Raggi, che in mattinata ha inaugurato il parco. “La protesta, anche forte e politica, si fa guardandosi negli occhi” ha concluso Raggi. Le scritte sono state immediatamente rimosse.

ROMA COME MILANO, SI PENSA A PEDAGGIO PER ANELLO FERROVIARIO 

Istituire una “Congestion Charge” all’interno dell’Anello ferroviario, ovvero un sistema di pedaggio veicolare che preveda per tutti il pagamento di una tariffa per l’accesso. E’ il contenuto della proposta di delibera del Movimento Cinque Stelle discussa questa mattina durante i lavori della commissione Mobilita’ del Comune di Roma. L’ipotesi e’ di prevedere un costo medio a carico dei cittadini di 120 euro l’anno, per un incasso tra i 100 e i 150 milioni di euro da investire sul traporto pubblico locale. Roma, dunque, punta a seguire l’esempio di Milano. Ma non sara’ facile. La nuova misura potrebbe entrare in vigore non prima del 2021 e dovra’ essere creata una struttura ad hoc all’interno di agenzia per la Mobilita’.

6 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»