Giovani

Giuliano Sangiorgi, il messaggio al fratello Luigi candidato alle comunali di Lecce

ROMA – Non solo canzoni. Giuliano Sangiorgi, fresco di partecipazione alla serata #PalermoChiamaItalia, ha scelto di utilizzare il proprio profilo Facebook non per parlare di sè, ma per fare una dedica a suo fratello Luigi, avvocato, in corsa per conquistare un posto nel consiglio comunale di Lecce.

“Ho pensato molto prima di scrivere queste poche parole. Ho temuto di poter sembrare di parte parlandovi di mio fratello, soprattutto trattandosi di elezioni” ha scritto il leader dei Negramaro.

“Ne resto sempre fuori perché mi dispiacerebbe poter correre il rischio di influenzare minimamente chi dovrà scegliere col voto. Ma poi ho capito che il fatto di conoscere in maniera profonda e vitale questa persona non può che essere un vantaggio per la comunitàleccese che il prossimo 11 giugno dovrà eleggere il governo della città (…) Ho un obbligo morale, in tal senso, nei confronti della mia terra. Ho deciso che sarebbe stato sbagliato tacere, sapendo di poter dare una testimonianza vera su chi è Luigi Sangiorgi, mio fratello. Tralascerò l’aspetto più professionale e i successi da lui conseguiti con lo studio legale condiviso con Salvatore, nostro fratello maggiore e colui che ci ha indirizzati tutti verso l’amore per la musica e la devozione per la giurisprudenza. Insieme mi hanno educato, sin da piccolo, al valore incommensurabile della giustizia e della legalità”.

Luigi Sangiorgi è candidato ne “la Puglia in più”, una lista di giovani che ha deciso di scendere in campo e sostenere Carlo Salvemini, candidato Sindaco per il centrosinistra

“Quella purezza e quella correttezza non è frutto di un eccessivo zelo nei confronti della professione – scrive ancora Giuliano sul fratello Luigi – ma fa parte della sua essenza, da sempre. Fa parte di Luigi quel rispetto smisurato per le persone, per le regole che sono alla base della convivenza pacifica e civile. Mi emoziona molto, ogni volta, pensare a come lui riesca a starmi accanto con una discrezione assoluta, impensabile per due fratelli che si amano come noi (…) E in questo momento in cui ognuno di noi ha bisogno di certezze e giustizia, non posso fare altro che augurarvi di avere un punto di riferimento come lo è lui per me dal primo giorno in cui me lo sono ritrovato a fissarmi arrampicato alla mia culla.Sono certo che saprà proteggervi come fa con me e non vi farà sentire mai soli, nei vostri giorni e nei vostri sogni. Con estrema sincerità, vi dedico la mia famiglia”.

6 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»