DIRE welfare

La ‘scuola fa notizia’ a Napoli; boom di ocupati per gli ITS; Fedeli: “Musica diventi curriculare”

La scuola fa notizia arriva a Napoli

‘La Scuola fa notizia’ anche nella sala del Consiglio Comunale di Napoli. Sui banchi dell’aula gli studenti del liceo Quinto Orazio Flacco di Portici, dell’Isis Guido Tassinari di Pozzuoli e del liceo Giambattista Vico di Napoli. Tutti insieme per discutere con presidi, professori, giornalisti e esponenti dell’amministrazione comunale de “La scuola e gli strumenti di informazione”. L’incontro è stato organizzato nell’ambito del progetto dell’Agenzia Dire e Diregiovani.it “La Scuola fa notizia“. Un giornale online dove le redazioni scolastiche di tutta Italia pubblicano articoli redatti dagli studenti per raccontare il mondo che li circonda.

ITS, a 1 anno dal diploma sono l’81% gli occupati

Balzo in avanti degli Istituti tecnici superiori – a 5 anni dalla loro istituzione in Italia – in questi primi mesi del 2017. A 12 mesi dal diploma, risultano occupati l’81% dei diplomati di cui 88% in un’area coerente con il percorso formativo. I dati illustrati al Miur, alla presenza del sottosegretario Gabriele Toccafondi, durante la premiazione delle ‘best practice’ tra gli oltre 2.000 percorsi di alternanza attivati in tutta la Toscana. “Con gli Its- ha detto Toccafondi- vogliamo dare uno sbocco professionale ai ragazzi e una risposta alle imprese ascoltando il loro allarme e la loro richiesta”

Fedeli, musica diventi curriculare

“La musica e’ giusto che entri in tutte le scuole. Tutti gli studenti devono studiare musica, ma manca un tassello fondamentale a questo processo: la musica deve diventare materia curriculare e non facoltativa”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli nel corso del suo intervento all’annuale concerto nel cortile della Minerva del Miur, evento conclusivo della Settimana della Musica. Con la legge 107 – ha sottolineato Fedeli – è stato fatto un passo concreto ma bisogna anche approvare una legge sulla parificazione sul riconoscimento degli Afam.

Una sana alimentazione passa dai banchi di scuola

All’Istituto comprensivo Merope di Roma gli studenti sono stati i protagonisti dell’evento conclusivo del progetto “Scuola, salute, stili di vita” realizzato dall’istituto scolastico in collaborazione con Diregiovani.it e l’Agenzia di stampa Dire. Gli alunni si sono trasformati in giornalisti e hanno realizzato diversi prodotti informativi per raccontare le loro abitudini alimentari e sensibilizzare i loro coetanei per combattere lo spreco alimentare e far capire l’importanza di uno stile di vita sano e un’alimentazione corretta.


DALLE SCUOLE

Scuola Primaria di Casa del Diavolo – Istituto compreviso Perugia 15
Inaugurata la nuova biblioteca. Alunni, docenti, genitori e il centro diurno KAOS hanno riqualificato uno spazio prima usato prima come piccola palestra.

Istituto comprensivo 16 di Bologna
“Nessuno resti escluso” è il progetto realizzato in rete con altre 5 Istituzioni scolastiche, associazioni private e pubbliche per la riqualificazione ambientale degli spazi della scuola.

Istituto Comprensivo di Bernalda
Gli alunni della Scuola Secondaria di Primo Grado dell’’Istituto Comprensivo di Bernalda hanno conferito simbolicamente la cittadinanza onoraria presso la nostra comunità scolastica a due profughi nigeriani.

Istituto comprensivo Fermi di Matera
Grande successo per il progetto Mettiamoci all’Opera con la direzione artistica del soprano Katia Ricciarelli e la direzione musicale del tenore Francesco Zingariello, eseguendo dal vivo arie tratte dalle più belle opere liriche del panorama nazionale.

IIS Belluzzi Fioravanti di Bologna
Studenti protagonisti dello Showcase di Yoox Net- A – Porter Group: presentati i risultati del progetto svolto nel corso dell’anno scolastico

Istituto omnicomprensivo “Scarano” di Trivento
Si è svolta la seconda edizione della Giornata delle scienze, un’importante occasione per appassionarsi alla scienza e toccarla con mano in modo divertente e creativo.

06 giugno 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram