Emilia Romagna

Merola: “No agli inciuci, serve nuova alleanza civica”

 

merola

BOLOGNA – “Siamo avanti ai nostri avversari ma non dobbiamo dare per scontato nulla”. Lo dice il sindaco di Bologna, Virginio Merola, nel corso di una conferenza stampa in pubblico in corso in piazza dell’Unità sul ballottaggio del 19 giugno nel quale ha escluso apparentamenti: “No agli inciuci“. Ha scelto la Bolognina “perchè qui si è registrato il dato di nostra maggiore difficoltà”, spiega Merola sottolineando il segnale di “allarme” e di “sfiducia” arrivato dai cittadini, che l’hanno costretto al ballottaggio. Merola chiede una “nuova alleanza civica di un nuovo centrosinistra capace di occuparsi dei problemi dei cittadini. Non votiamo per un divieto di sosta- sottolinea il sindaco uscente- ma per dove vogliamo portare Bologna, una Bologna che esclude oppure una città che riconosce diritti e doveri”. Merola non promette posti ma chiede un “confronto sui contenuti”.

Farà una “campagna di incontri, faccia a faccia, nei condomini, in strada. Bologna ha bisogno di un sindaco di strada, io ho perso troppo tempo nei ministeri”. Insomma, “non abbiamo bisogno di contrattare posti ma condividere proposte“. Se non “vogliamo rassegnarci ad una somma di egoismi individuali questa e’ l’alternativa di declino. Il centrodestra non ha aumentato i propri voti, l’unico che li ha aumentati ma in modo largamente insufficiente è il Movimento 5 stelle”, ha detto ancora il sindaco Pd rivolgendo poi un messaggio ai moderati: “Consegnare la città a questa destra è fare il contrario di ciò che serve. Noi di Bologna ci siamo occupati davvero e non abbiamo bisogno di sbandierlarlo”. A Bologna, rivendica poi Merola, “abbiamo rilanciato una idea di centrosinistra, un partito da solo non ha nessuna possibilità. Io sono perchè si lavori insieme in un’alleanza civica”.

di Mirko Billi, giornalista professionista

6 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»