Cuochi, addetti pulizie e commessi: a Bologna in 5.000 a urlare “Contratto”

sciopero_bo3

BOLOGNA – Mense, ristorazione veloce, pulizie negli ospedali, terme, farmacie, grande distribuzione, biblioteche. I sindacati parlano di “grande adesione allo sciopero intersettoriale di oggi, con manifestazione culminata in piazza Maggiore a Bologna, proclamato per cercare di sbloccare i nuovi contratti nazionali di lavoro. Indetta da Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs e Uiltrasporti nazionali, la manifestazione ha radunato “5.000 lavoratori che, al grido di “contratto adesso”, hanno percorso dalle 10 tutta via Indipendenza fino alla piazza.

Le organizzazioni dei lavoratori registrano un’adesione straordinaria nelle mense scolastiche”, dove hanno scioperato quasi tutti i lavoratori in tutte le province con punte del 100% a Bologna, del 100% a Rimini, con la chiusura delle cucine di Gemeaz e Dussman, e del 90% nelle mense scolastiche di Imola. Buoni dati anche dalle mense aziendali e interaziendali di Parma: alle Serenissima ha scioperato il 70% e alle Serenissima di Reggio Emilia il 90%, mentre a Modena si è registrata un’adesione all’80% nelle strutture Cir con la chiusura totale di tre centri cottura e di quasi tutti i servizi. Nella ristorazione veloce picchi dell’80% al Chef Express di Rimini e del 90% in quello di Bologna, dove si registra anche il 100% a Ristofood. In Autogrill, complessivamente, sono emerse punte dell’80% nel locale di Cantagallo e nel locale di Arda.

sciopero_boAltissimi anche i dati dello sciopero degli addetti del settore multiservizi e pulizie; in molte città l’adesione è stata totale, per quanto riguarda “i servizi ospedalieri dove le aziende hanno dovuto precettare i lavoratori per garantire i servizi essenziali”: è successo in Manutencoop a Imola, in Formula Servizi nell’ospedale di Forlì e in Dussman e Manutencoop nell’ospedale di Modena. Spicca anche l’adesione totale dei lavoratori dei servizi bibliotecari del Comune di Modena. Alta partecipazione allo sciopero, provincia per provincia, anche nel settore del commercio Federdistribuzione: a Cesena 100% nel supermercato Arca A&O di Savignano e 100% a Ferrara nel Supermercato Aspiag di Portogaribaldi, ma numeri alti anche in alcuni punti vendita Zara a Bologna. “Non scontata”, inoltre, l’adesione allo sciopero nel settore termale e in quello delle Farmacie: risultati alle terme di Santagnese a Cesena pari al 100%, a Farmalvarion al 70%.

di Luca Donigaglia, giornalista professionista

6 Mag 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»