Campania

Sociale, il progetto Itaca apre sede e club a Napoli

Napoli_piazza_plebiscitoNAPOLI – Domani, sabato 7 maggio, si inaugurano la Sede e il Club di Progetto Itaca Napoli Onlus. L’Associazione, gia’ attiva in Italia da piu’ di quindici anni, fa parte di un grande movimento mondiale, che vuole cambiare la visione sulle malattie mentali. La missione di Itaca e’: combattere lo stigma; dare informazioni perche’ si arrivi alla diagnosi in tempi brevi; valorizzare le risorse di chi e’ in cura, per ritrovare la volonta’ di ricostruire la propria vita; sostenere le famiglie; L’Associazione Progetto Itaca Napoli e’ stata fondata da un gruppo di volontari il 29 ottobre 2014.
Ha attivato progetti di informazione e prevenzione nelle scuole, corsi di formazione per volontari, una linea di ascolto telefonico, gruppi di auto aiuto e gruppi di sostegno rivolti alle famiglie. Il progetto principale dell’Associazione e’ il Club Itaca. Entrambi hanno sede nella struttura del complesso conventuale di via Santa Luisa di Marillac, con l’uso anche di aule laboratorio, teatro, giardino e sala per realizzare un caffe’ letterario. L’obiettivo di questo progetto e’ avviare un programma per  l’autonomia socio-lavorativa di persone con una storia di disagio psichico. Il Club sostiene i soci nello sviluppo e nella valorizzazione delle proprie risorse umane e sociali attraverso l’impegno in attivita’ interne.
Club Itaca aderisce al modello Clubhouse, nato negli Stati Uniti nel 1948 e diffuso in tutto il mondo. Domani, dalle 11 alle 14, il Club e la Sede di Itaca aprono le loro porte. Nell’occasione interverranno: Enel Cuore Onlus, la Fondazione Charlemagne, la Fondazione con il Sud, la Fondazione Vodafone Italia, che sostengono l’attivita’ di Progetto Itaca Napoli Onlus. Parleranno anche Ughetta Radice Fossati, Segretario Generale Ass. Progetto Itaca; Angioletta Colucci de Goyzueta, Presidente Progetto Itaca Napoli Onlus. Partecipera’ all’incontro il Sindaco
di Napoli Luigi de Magistris.

6 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»