Lazio

Esperti Iscr aiutano liceali a restaurare la statua del ‘loro’ Virgilio

virgilioROMA – I liceali romani si prendono cura del ‘loro’ Virgilio e si preparano a restaurare la scultura in bronzo del poeta latino a cui è intitolata la scuola. Attraverso un progetto di alternanza scuola-lavoro, infatti, dieci studenti del terzo anno del liceo classico romano parteciperanno al recupero della statua guidati dagli esperti dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro (Iscr).

IL PROGETTO – Grazie alla convenzione stipulata dallo storico liceo romano e dall’Iscr, fortemente voluta dal dirigente scolastico del Virgilio, Irene Baldriga, e dal direttore dell’Iscr, Gisella Capponi, il gruppo di liceali romani seguirà nel corso di tre anni scolastici, da quest’anno fino al 2018, un cantiere di restauro vero e proprio, affiancando gli esperti nelle attività complementari al restauro. Si partirà con le ricerche, le indagini preliminari e la progettazione, per proseguire con la documentazione fino alle attività di comunicazione del lavoro svolto. Il tutto, con l’obiettivo di avvicinare gli studenti al mondo del lavoro entrando nel vivo di un intervento di restauro grazie alla lungimiranza di una scuola che pone al centro della sua azione formativa il tema dell’educazione al patrimonio e di un prestigioso Istituto che, fino dalla sua fondazione nel 1939, ha sempre coniugato la pratica, lo studio e la ricerca con la formazione delle nuove leve del restauro. Ma questa volta l’Iscr fa di più: esce dalla sua Scuola di Alta formazione ed entra in una scuola secondaria.

virgilio3E ancora: I TEMPI – Durante il primo anno del percorso gli studenti si avvicineranno alla fase della progettazione. Poi, il secondo anno seguiranno le fasi del restauro presso il cantiere Iscr, mentre nel corso del terzo anno potranno partecipare attivamente alla documentazione e alla divulgazione dei risultati, con la creazione di testi, pagine web e possibili momenti d’incontro con il pubblico.

IL CONTESTO – L’idea di base è nata tre anni fa, con la richiesta dell’attuale preside di un intervento di recupero del patrimonio artistico del liceo posto tra la rinascimentale via Giulia e il lungotevere dei Tebaldi. L’opportunità offerta dalla legge 107/2015, quella sull’alternanza scuola-lavoro, insieme al recente Piano nazionale per l’Educazione al patrimonio varato dal ministero dei Beni culturali, hanno costituito il terreno ideale per realizzare la collaborazione con l’Iscr.

LA SCULTURA – La scultura in bronzo che raffigura Virgilio, a figura intera più grande del naturale, è collocata nel cortile di quello che originariamente era l’ingresso principale dell’edificio, sul lato lungotevere. L’opera, spiegano gli esperti Iscr, soffre dei mali piuttosto comuni per le sculture in bronzo esposte all’aperto: linee geodetiche dovute al dilavamento dell’acqua piovana e alla corrosione elettrochimica della lega, oltre a prodotti di corrosione e/o di alterazione delle patine. Per di più, non è ancora sufficientemente indagata la paternità della scultura, presente nel cortile dal 1939, anno di inaugurazione del complesso scolastico. Il cantiere del progetto di alternanza scuola-lavoro darà agli allievi l’opportunità, attraverso la ricerca storica e d’archivio e l’osservazione ravvicinata della statua, di ricostruire anche le vicende ideative e costruttive del ‘loro’ Virgilio.

di Nicoletta Di Placido, giornalista

6 maggio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»