AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE toscana

In Toscana anche i medici di famiglia potranno effettuare i vaccini per la meningite C

vacciniFIRENZE – Anche i medici di famiglia effettueranno le vaccinazioni antimeningococco C previste dalla campagna vaccinale della Regione Toscana. Lo prevede l’accordo, approvato con una delibera di Giunta, che verra’ siglato nei prossimi giorni dall’assessore al Diritto alla Salute Luigi Marroni, dai direttori generali delle Asl 3 di Pistoia, 4 di Prato, 5 di Pisa, 8 di Arezzo, 10 di Firenze, dal presidente della Societa’ della salute empolese e dai rappresentanti delle organizzazioni sindacali dei medici: Fimmg, Intesa sindacale, Smi, Snami.

I pediatri sono gia’ coinvolti attivamente nella vaccinazione, in base a un accordo firmato il 9 aprile scorso, che prevede il coinvolgimento dei pediatri di famiglia in tutte le vaccinazioni dei bambini (e quindi anche quella contro il meningococco C). L’accordo approvato dalla Giunta fa entrare in campo anche i medici di famiglia, ma soltanto per la vaccinazione antimeningococco C. Questo, data la particolare situazione epidemiologica che si e’ venuta a creare nella  regione per le infezioni da meningococco C, e nell’ottica di agevolare il ricorso alle misure di profilassi da parte dei cittadini, anche in virtu’ del rapporto di fiducia che li lega al medico di famiglia.

L’accordo collettivo nazionale dei medici di famiglia prevede, tra i compiti dei professionisti, anche l’adesione ai programmi di vaccinazione concordati a livello aziendale e regionale. E l’evoluzione della situazione epidemiologica ha reso necessario un adeguamento della politica vaccinale della Regione. Alla luce di questo accordo regionale, ciascuna azienda sanitaria definira’ specifici accordi con i medici del proprio territorio. La maggior parte delle aziende hanno gia’ concluso questi accordi, e di fatto i medici hanno gia’ cominciato a vaccinare.

06 maggio 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram