Giardini Margherita, si cambia: senso unico e 10 all’ora

BOLOGNA – A breve verrà rivoluzionata la viabilità all’interno dei Giardini Margherita. Chi vorrà parcheggiare all’interno del parco dovrà entrare per forza dall’ingresso all’angolo tra via Sabbioni e via Letizia e uscire dal varco su via Castiglione: il viale interno a sud del parco dove è possibile parcheggiare sui due lati diventa infatti a senso unico.

La giunta Merola ha deciso di accogliere la richiesta di alcuni frequentatori del parco, dopo il via libera del quartiere Santo Stefano. Lo ha annunciato stamane al question time l’assessore comunale alla Mobilità Irene Priolo. “La richiesta, pervenuta da diversi utenti della zona– ha detto- appare legittima e motivata perché favorirebbe le condizioni di circolazione all’interno dei giardini, preservando al contempo la possibilità di sosta veicolare e semplificherebbe le manovre in corrispondenza degli accessi, eliminando una parte degli attuali conflitti sull’intersezione Castiglione-Sabbioni, che appare spesso congestionata, e precludendo l’uscita dal varco Sabbioni-Letizia dotato di scarsissima visibilità”.

Unico problema di questa soluzione, ammette Priolo, un “accesso ai giardini e alle scuole Fortuzzi meno agevole per chi proviene da via Castiglione, essendo possibile solo dal varco Sabbioni-Letizia, con un allungamento di percorso stimabile in circa 500 metri, comunque accettabile per veicoli a motore e mitigato dalla maggior scorrevolezza degli accessi e del viale”.

Non è l’unica novità in arrivo nel grande parco bolognese. “Appare opportuno- aggiunge infatti l’assessore- completare l’intervento salvaguardando l’accessibilità per pedoni e ciclisti e disciplinando la viabilità interna ai Giardini Margherita aperta al transito veicolare come ‘zona residenziale‘ con ‘limite massimo di velocità 10 chilometri orari‘ e ‘precedenza ai pedoni su tutta la sede stradale’, a tutela dei numerosi utenti deboli che frequentano i giardini”.

6 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»