Facebook, Antitrust avvia istruttoria per informazioni ingannevoli su raccolta e uso dati

Politica

Facebook, Antitrust avvia istruttoria per informazioni ingannevoli su raccolta e uso dati

ROMA – L’Autorita’ Garante della Concorrenza e del Mercato – l’Antitrust – ha avviato un procedimento istruttorio nei confronti di Facebook Inc. per presunte pratiche commerciali scorrette, concernenti: “l’informativa fornita dal professionista in fase di registrazione alla piattaforma Facebook, con riferimento alle modalita’ di raccolta e utilizzo dei dati dei propri utenti a fini commerciali, incluse le informazioni generate dall’uso da parte dell’utente Facebook di app di societa’ appartenenti al gruppo e dall’accesso a siti web/app di terzi” e “l’automatica attivazione della piattaforma di scambio dei propri dati da/a terzi operatori per tutte le volte che l’utente accedera’ o utilizzera’ siti web e app di terzi, con validita’ autorizzativa generale senza alcun consenso da parte dell’utente, con sola facolta’ di opt-out. In particolare, l’opzione a disposizione dell’utente di rinunciare o meno a tale modalita’ risulterebbe preimpostata, tramite spunta nell’apposita casella, sul consenso al trasferimento dei dati”.

Leggi anche: Facebook: Cambridge Analytica ha avuto accesso a 87 milioni di profili social

Secondo l’Autorita’, tali comportamenti “potrebbero integrare due distinte pratiche commerciali scorrette in violazione degli artt. 20, 21, 22, 24 e 25, del Codice del Consumo, in quanto, da un lato, Facebook non informerebbe adeguatamente e immediatamente, in fase di attivazione dell’account, l’utente dell’attivita’ di raccolta e utilizzo, a fini commerciali, dei dati che egli cede”.

Leggi anche: I tuoi dati Facebook rubati da Cambridge Analytica? Il 9 aprile potrai saperlo

Dall’altro, Facebook avrebbe “esercitato un indebito condizionamento nei confronti dei consumatori registrati, i quali, in cambio dell’utilizzo di Facebook, presterebbero il consenso alla raccolta e all’utilizzo di tutte le informazioni che li riguardano (informazioni del proprio profilo FB, quelle derivanti dall’uso di FB e dalle proprie esperienze su siti e app di terzi), in modo inconsapevole e automatico, tramite un sistema di preselezione del consenso e a mantenere lo status quo per evitare di subire limitazioni nell’utilizzo del servizio in caso di deselezione”.

6 aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»