Quando la copertina è opera d’arte, il contest per dischi in vinile arriva a Bologna

BOLOGNA – Non ci sono solo brani passati alla storia, quelli che riconosci dopo tre accordi. I grandi album, in particolare i grandi album del rock, si fanno ricordare anche per le copertine, che sono parte integrante del progetto musicale e del messaggio dell’artista. Come il prisma che scompone il fascio di luce su sfondo nero di Dark side of the moon dei Pink Floyd, considerato uno dei migliori album di tutti i tempi, o il palazzo al 96-98 di St. Mark’s Street nell’East Village, a New York, immortalato nella copertina, essa stessa una sperimentazione, di Phisical Graffiti dei Led Zeppelin.

L’elenco sarebbe lunghissimo (la banana di Andy Wharol sul primo album omonimo dei Velvet Underground, le strisce pedonali più famose della storia sul frontespizio di Abbey Road dei Beatles). Per onorare questa tradizione, che ancora prosegue, nonostante i cd prima e i supporti digitali, oggi, abbiano relegato i vinili a oggetti per feticisti musicali, Best art vinyl ogni anno lancia la ricerca dell’artwork più bello selezionato tra le migliori uscite internazionali, rigorosamente in formato vinile, dell’anno appena concluso.

L’iniziativa, celebrata con una serie di mostre in tutto il mondo, e con premiazione finale a Londra, conferma come la copertina di un disco oggi possa essere considerata senza esitazioni una vera e propria opera d’arte. La sezione italiana del concorso si svolgerà a Bologna al Semm Music Store & More di via Oberdan. Fino a domani tutti avranno la possibilità di votare l’artwork preferito sul sito www.bestartvinylitalia.it.

Inoltre sarà possibile visitare l’esposizione permanente delle 50 opere internazionali partecipanti a Best Art Vinyl al Semm Music Store & More. Proprio nello store bolognese saranno annunciati i primi tre classificati dell’edizione italiana in occasione del “Record Store Day”, la giornata mondiale che ogni anno celebra i negozi di dischi indipendenti che si terrà sabato 21 aprile dalle 10 alle 22 e, contemporaneamente, sarà inaugurata la mostra permanente delle 50 opere-copertine partecipanti per l’Italia. Il nome del vincitore sarà comunicato in diretta radiofonica nazionale.

Tra i vincitori delle passate edizioni, Angela Monteiro per Two Bit Dezperados nel 2011, Enrico Fontanelli per OfflagaDiscoPax nel 2012, Pasquale De Sensi per Julie’s Haircut nel 2013, Dario “Dr.Pepper” Maggiore per lo split di Hessa/Egeria nel 2014, Pasquale De Sensi per Umberto Maria Giardini nel 2015 ed infine Carmelo Marturano per Emilio Sorridente nel 2016.

Tra le principali novità di quest’anno, l’inserimento al fianco del voto del pubblico sul sito, il voto di una giuria di appassionati esperti e critici del mondo artistico e musicale: Stefano Fiz Bottura (Rock.it), Nicolò Cerioni (con Sugarkane cura styiling e coordinamento immagine di artisti come Jovanotti, Laura Pausini, Gianna Nannini e molti altri per copertine di album, servizi fotografici), Manetti Bros (reduci dalla recentissima vittoria del David di Donatello), Sergio Ricciardone (Club2Club), Carlo Massarini (giornalista), Luca De Gennaro (Radio Capital, Direttore Artistico MTV e VH1), Carlo Pastore (RadioRai, Direttore Artistico MI AMI) e molti altri.

6 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»