Siccità, Anbi: “In crisi l’intero sistema idrico della pianura padana”

L'allarme dell'Anbi, Associazione nazionale consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’attuale fase di criticità idrica non interessa solo il fiume Po, ma è generalizzata in tutta l’area della Pianura Padana: l’Adige è addirittura sotto il livello minimo, che sfiorano anche i fiumi Enza (portata marzo 2018: 5,85 metri cubi al secondo; marzo 2019: 0,01 metri cubi al secondo), Secchia (portata marzo 2018: 20,15 metri cubi al secondo; marzo 2019: 2,17 metri cubi al secondo), Reno (portata marzo 2018: 34,9 metri cubi al secondo; marzo 2019: 6,79 metri cubi al secondo). A renderlo noto è l’Anbi (Associazione nazionale consorzi per la gestione e la tutela del territorio e delle acque irrigue), che segnala anche come la situazione attuale del fiume Po sia in linea con le condizioni della siccità del 2007, più grave di quella del 2017 costata 2 miliardi di euro in danni all’agricoltura.

Le osservazioni degli organi competenti sul più grande fiume d’Italia sono omogenee in tutti punti di rilevazione (Piacenza, Cremona, Boretto, Borgoforte, Pontelagoscuro), indicando afflussi inferiori del 70% in gennaio e del 40% in febbraio; nel piacentino, la portata si avvicina progressivamente a quella minima indicata in 400 metri cubi al secondo: attualmente è pari a 482, perdurando le attuali condizioni, si prevede scenda 432 metri cubi al secondo entro il prossimo 19 marzo.

Secondo l’Anbi, la situazione preoccupa molto, ma esistono ancora margini temporali, utili per nuove precipitazioni, anche se le previsioni a breve indicano eventi temporaleschi, ma non risolutivi, seppur con temperature in calo verso le medie del periodo.

L’evoluzione prevista, continua l’Anbi, ripropone, già nell’immediato, il problema della risalita del cuneo salino lungo il delta del Po, quantificata in oltre nove chilometri nel ramo di Pila. I Consorzi di bonifica si stanno comunque adoperando per creare le riserve idriche, necessarie per rispondere alle esigenze delle campagne in caso di siccità.

A destare attenzione è anche la situazione dei grandi laghi lombardi (Maggiore, Como, Iseo), i cui livelli sono ampiamente sotto la media stagionale; in loro soccorso dovrebbe arrivare lo scioglimento del manto nevoso, registrato però scarso a tutte le quote, complici le elevate temperature che, in Febbraio, hanno fatto registrare lo zero termico anche a quote superiori ai 3000 metri.

Attualmente il potenziale idrico del manto nevoso è quantificato in due miliardi e 200 milioni di metri cubi, che andranno ad aggiungersi a 900 milioni di metri cubi d’acqua, trattenuti nei grandi laghi e nei bacini montani.

Radicalmente diversa è la situazione nelle regioni meridionali ed insulari, dove la presenza di numerosi invasi permette oggi di avere scorte idriche mediamente doppie, rispetto allo scorso anno.

“La situazione in atto- conclude il presidente di Anbi, Francesco Vincenzi- sollecita due considerazioni: la necessità di attivare, al più presto, tavoli di concertazione nelle regioni del Nord, per contemperare preventivamente i diversi interessi gravanti sull’utilizzo della risorsa idrica, rispettando le priorità previste dalla normativa, che indica l’uso agricolo dopo quello umano. Il Piano Invasi Straordinario e gli ulteriori investimenti che è necessario attuare sono la risposta che serve al Paese, alla sua economia, all’occupazione.”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»