L’8 marzo al Maxxi di Roma biglietto gratuito alle visitatrici

Quel giorno acquisterà la card mymaxxi, l’abbonamento che consente la visita illimitata al museo per un anno, avrà uno sconto del 20%
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “In occasione della Festa della Donna, tutte le visitatrici potranno entrare al museo gratuitamente e visitare le molte mostre in corso”, si legge sul sito del Maxxi di Roma. Per continuare a vivere la passione per l’arte anche dopo l’8 marzo, chi quel giorno acquisterà la card mymaxxi, l’abbonamento che consente la visita illimitata al museo per un anno, avrà uno sconto del 20%.

Tante le opportunità che il Maxxi offre al suo pubblico anche nel 2019, a partire dalla gratuità della Collezione per 160 giorni l’anno: tutti i giorni dal martedì al giovedì e 4 domeniche d’estate (2 giugno, 7 luglio, 4 agosto, 1 settembre). Il nuovo allestimento presenta 30 lavori di 26 autori in una grande collettiva che si apre proprio con una parte dedicata ad alcune delle nuove acquisizioni del 2018, tra cui i lavori di Katharina Grosse, Monica Bonvicini, Yinka Shonibare Mbe, Pablo Echaurren, Marco Tirelli, Giulio Turcato e le fotografie di Hassan Hajjaj, Paolo Di Paolo, Paolo Pellegrin. Ingresso gratuito a tutte le mostre del museo, inoltre, per gli studenti universitari di Arte e Architettura di tutto il mondo, dal martedì al venerdì; per tutti il giorno del compleanno e in occasione della Giornata del Contemporaneo; per le mamme alla Festa della Mamma.

Tra le novità delle tariffe del 2019: il biglietto mini per gli studenti (ogni mercoledì a partire dalle 14) e quello last hour a partire dalle 17.30 e, il sabato, dalle 20.30, entrambi a 5 euro. Ricca l’offerta di mostre in corso. Le visitatrici e i visitatori potranno immergersi nel colorato, dirompente, frastornante universo degli oltre 140 artisti di La strada. Dove si crea il mondo e scoprire il confronto tra Arte e Intelligenza artificiale nelle opere visionarie degli artisti della Millennial Generation di Low form, prorogata fino al 24 marzo per il grande successo. Potranno immedesimarsi nelle immagini coinvolgenti di un maestro della fotografia come Paolo Pellegrin e stupirsi di fronte alle illustrazioni di un talento del fumetto come Zerocalcare (prorogata fino al 31 marzo). E ancora, sarà possibile rivivere la storia dell’architettura italiana con il focus Dentro La Strada Novissima, dedicato alla celebre mostra di Paolo Portoghesi alla prima Biennale Architettura del 1980, mentre con When Sound Becomes Form si potrà scoprire il percorso della sperimentazione sonora italiana dagli anni Sessanta.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»