Lazio

Le strade colabrodo di Roma: asfalto sbriciolato dal Pigneto al centro

ROMA – Strade cittadine ridotte a mulattiere. E’ gravissima la situazione del manto stradale cittadino, costretto negli ultimi giorni a fare i conti con neve, gelo e pioggia incessante. Buche nuove si aggiungono alle vecchie che intanto sono divenute veri crateri che mettono a rischio la sicurezza di automobilisti e centauri.

 

Nella zona di Piazza Lodi questa mattina all’ingresso della Tangenziale Est, la polizia locale è stata costretta a chiudere una parte della rampa di accesso a causa di una grossa buca divenuta trappola per la circolazione a causa dell’acqua piovana. Nelle vie limitrofe, in Piazza Lodi, le auto vanno a rilento a causa di grosse e profonde spaccature attorno ala rotatoria.

Via Acireale è percorribile solo a bassa velocità per via delle condizioni dell’asfalto che si è sbriciolato in grosse pietre come fosse saltato in aria a causa di un’esplosione. Su via Appia Nuova e in Piazza dei Re di Roma la situazione è simile, con le auto costrette a continui cambi di velocità per evitare le voragini.

Gravissima la situazione in via Cernaia. Per tutta la larghezza della carreggiata l’asfalto non esiste più causando pericolo agli scooteristi e alle auto che procedono molto lentamente provocando code che arrivano fino a Piazza della Repubblica. In altre zone della Capitale si registrano situazioni simili.

6 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»