8 marzo, 17 nuove Barbie oltre gli schemi: c’è anche Frida Kahlo

ROMA – Cosi’ Barbie rende omaggio a 17 modelli femminili dei nostri giorni del passato e del presente in tutto il mondo, provenienti da contesti e settori diversi e che sono state in grado di rompere gli schemi, diventando una fonte di ispirazione per la prossima generazione di ragazze, attraverso il programma Shero, creando una bambola ‘Ooak’ (‘One Of A Kind’), vale a dire unica, con le sembianze di altrettante personalita’. 

Si tratta di donne che hanno superato pregiudizi, barriere razziali o limiti imposti dalla societa’

Come si legge in una nota, secondo l’azienda americana di bambole Mattel sono molte le mamme preoccupate per la tipologia di figure femminili a cui le proprie figlie vengono esposte, per questo Barbie ha dato inizio ad un dialogo sull’importanza dei modelli positivi da cui trarre ispirazione.

Tra queste, per citarne alcune, la pittrice Frida Kahlo, la scienziata della Nasa Katherine Johnson, poi Yuan Yuan Tan Prima ballerina del San Francisco Ballet e Prima Ballerina Ospite all’Hong Kong Ballet

 

Ma anche Leyla Piedayesh, designer e imprenditrice tedesca di origine iraniana, e la campionessa di windsurf turca Çagla Kubat. Nella rosa delle 17 “vincenti” anche un’italiana, la calciatrice Sara Gama, capitano della Juventus Football Club Femminile e Capitano della Nazionale Italiana Femminile. 

Sara, 29 anni, ha cominciato a giocare a calcio quando ne aveva sette

 “Essere un esempio per le nuove generazioni nell’abbattere le barriere della societa’ di cui lo sport a volte e’ specchio: questo nuovo obiettivo mi spinge a dare sempre di piu’ – il commento della campionessa – Barbie accompagna da tempo l’infanzia delle bambine e mi piace che le ispiri a sperimentare i propri sogni attraverso il gioco”. Nella vita di Sara non c’e’ soltanto il calcio: e’ laureata in Lingue e Letterature Straniere all’Universita’ di Udine. Infine, il noto marchio statunitense chiede ai suoi fan in tutto il mondo di condividere i modelli femminili che li hanno ispirati usando l’hashtag #MoreRoleModels sui social.

6 marzo 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»