Bonafede e Salvini indagati, sotto accusa il video che ‘celebra’ l’arresto di Cesare Battisti

La procura ha indagato i ministri chiedendo l'archiviazione per mancanza di dolo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro dell’Interno Matteo Salvini e il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sono stati indagati per il video che ‘celebrava’ l’arrivo in Italia dell’ex terrorista Cesare Battisti. L’ipotesi di reato è la mancata tutela della dignità della persona in stato di arrestato. La procura di Roma ha già trasmesso gli atti al tribunale dei ministri chiedendo tuttavia l’archiviazione del provvedimento per mancanza di dolo.

Il video ‘incriminato’ era stato postato dal ministro Bonafede e celebrava l’arrivo di Battisti, latitante in Sudamerica da 37 anni, ritraendolo mentre veniva tenuto in custodia dalle forze di polizia.

Un viedo che, secondo l’associazione Antigone che si occupa dei diritti dei detenuti, viola la legge: “l’art. 114 del codice di procedura penale- spiega l’associazione in una nota- vieta ‘la pubblicazione dell’immagine di persona privata della libertà personale ripresa mentre la stessa si trova sottoposta all’uso di manette ai polsi ovvero ad altro mezzo di coercizione fisica’ e ‘l’art. 42 bis dell’Ordinamento penitenziario impone l’adozione di «opportune cautele per proteggere» gli arrestati «dalla curiosità del pubblico e da ogni specie di pubblicità»”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»