Anche Bari si candida a ospitare l’arena del Cinema America dopo la ‘cacciata’ da Roma

ROMA – Dopo Fiumicino, Ciampino e Napoli, anche Bari si candida a ospitare l’arena di San Cosimato organizzata per quattro stagioni dai ragazzi dell’Associazione Cinema America ma al momento destinata a non ripetersi, data la volontà dell’amministrazione capitolina di inserire la location nel bando dell’Estate romana a cui però i ragazzi hanno già fatto sapere di non partecipare. “Appresa la notizia della cessata attività di Cinema America nella città di Roma- si legge in una nota del Comune di Bari- l’assessore alle Culture Silvio Maselli, in collaborazione con l’Apulia Film Commission, ha proposto pubblicamente agli organizzatori la candidatura del Comune di Bari a ospitare la manifestazione cinematografica nelle piazze cittadine per consentire la prosecuzione di un’esperienza che rappresenta un modello virtuoso di valorizzazione e promozione del territorio, della cultura e dell’impegno giovanile in questo settore”. Secondo Maselli, “questa esperienza, nata dalla passione per il cinema di un gruppo di giovani, non deve interrompersi perché esprime un modello di impegno culturale e di imprenditoria giovanile da replicare, e non da mortificare. Negli anni centinaia di giovani, cittadini residenti e i migliori cineasti d’Italia si sono incontrati a Roma, in piazza San Cosimato, per vivere insieme l’emozione che solo il cinema sa regalare, facendo rinascere una piazza storica e offrendo un grande contributo alla crescita culturale della città. Per questo siamo pronti, grazie anche alla collaborazione e alla presenza della Apulia Film Commission, a proporre agli organizzatori una gestione barese di Cinema America che possa rendere merito allo spirito di un’iniziativa che ben si adatta al nostro territorio e che può avvalersi delle tante maestranze del settore che in questi anni si sono specializzate”.
6 Feb 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»