Elezioni, Bindi: “Candidature dubbie? Ci sarebbe stato materiale”

REGGIO CALABRIA – “Non parlo da persona di partito ma come presidente della Commissione antimafia. Non possiamo fare inchieste a parlamento sciolto, quindi questa volta non abbiamo preso in esame le candidature. Mi pare di capire però, da quello che leggo sui giornali, che ci sarebbe stato materiale anche questa volta”. Così, rispondendo ad una domanda dell’agenzia Dire, Rosy Bindi, presidente della Commissione parlamentare antimafia, oggi a Reggio Calabria per partecipare ai lavori di un convegno sul nuovo codice antimafia.

6 Febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»