Sea Watch, Salvini: “Porti restano chiusi”. Di Maio avalla linea dura ma dice: “Decide il governo”

"A Salvini nessuno vuole togliere il potere di decidere, però questa è una decisione che prende il Governo intero, come abbiamo sempre fatto", dice Di Maio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sulla vicenda Sea Watch ha scavalcato Matteo Salvini? “Ma no, assolutamente. Non ho sentito Salvini dire che donne e bambini devono rimanere sulle navi. Anzi. Ci siamo sentiti. Sono d’accordo sulla linea dura: non possiamo assumerci da soli i problemi dell’Unione Europea sui migranti”. Luigi Di Maio, vicepresidente del consiglio e ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, lo dice intervistato dal Corriere della Sera.

LEGGI ANCHE: Seawatch, Di Maio: “Malta li faccia sbarcare, noi li accoglieremo”

“Abbiamo dato la disponibilità ad accogliere circa dieci persone: si tratta di donne e bambini e sia Malta sia Sea Watch fanno ostruzionismo, non permettendo lo sbarco e tenendoli a bordo”, attacca Di Maio, “l’Ong la butta in politica. Io, noi come governo, vogliamo che vengano tutelati donne e bambini. Che sbarchino a Malta e li accoglieremo”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Saviano a Salvini: “Smetti di fare il pagliaccio, apri i porti”

SALVINI: PORTI ITALIANI SONO E RIMARRANNO CHIUSI

“‘L’Italia non è Salvinia’ dicono quelli della Ong Sea Eye. Fate quello che volete, ma per chi non rispetta le leggi i porti italiani sono e rimarranno chiusi“. Lo scrive su facebook Matteo Salvini, vicepremier e ministro dell’Interno.

DI MAIO:”DECIDE IL GOVERNO”

Nel corso della giornata, però, Di Maio manda a dire che la decisione è del governo. “A Salvini nessuno vuole togliere il potere di decidere, però questa è una decisione che prende il Governo intero, come abbiamo sempre fatto”, dice infatti parlando all’Aquila. Lo dice ribadendo al tempo stesso che è d’accordo con “la linea che abbiamo portato avanti come Governo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

6 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»