A Rieti esplosione in un distributore di benzina sulla Salaria, due morti e 17 feriti

L'esplosione è avvenuta in prossimità di Borgo Quinzio, frazione di Fara in Sabina, provincia di Rieti.

ROMA – Ci sono due morti e 17 feriti (tre dei quali gravissimi) nell’esplosione in un distributore di benzina che si è verificata intorno alle 14.30 lungo la via Salaria, al chilometro 39, in prossimità di Borgo Quinzio, frazione di Fara in Sabina, provincia di Rieti. Sul posto sono intervenuti i Vigili del fuoco e il personale del 118. Pesanti disagi alla circolazione.

Dei 17 feriti, sette sono vigili del fuoco che sono stati investiti dall’esplosione durante le operazioni di soccorso. Secondo quanto si apprende, infatti, ci sarebbe nella stazione stato un primo boato e successivamente l’esplosione di una seconda cisterna che avrebbe investito coloro che erano arrivati in soccorso. I feriti, tra cui anche le persone che lavoravano al distributore, hanno riportato ustioni e fratture.

AUTOCISTERNA SBALZATA PER METRI

Un’esplosione violenta che ha sbalzato l’autocisterna a diverse decine di metri di distanza uccidendo due persone e ferendone almeno altre 17. La portata dell’incidente si vede chiaramente dal video pubblicato su Twitter dalla Polizia di Stato. Immagini che confermano la ricostruzione di quanto accaduto intorno alle 14.30 sulla via Salaria, all’interno del distributore di carburante di Borgo Quinzio, in provincia di Rieti. Ad innescare l’esplosione sarebbe stato un incendio divampato durante le operazioni di travaso del Gpl dall’autocisterna all’impianto di rifornimento.

Le fiamme hanno attirato sulla piazzola del distributore le prime squadre dei Vigili del fuoco e degli operatori del 118. Poi l’esplosione costata la vita ad un civile e ad un pompiere, S.C., di Rieti. “Dolore senza fine” hanno twittato i Vigili del Fuoco quando sono state confermate le due vittime. Intanto sul posto sono arrivati i Carabinieri e i poliziotti della Stradale e della Questura di Rieti che stanno proseguendo nelle operazioni di messa in sicurezza del sito e di gestione viabilità.

Il primo video dei Vigili del fuoco:

COSTITUITA UNITÀ CRISI, ATTIVI ELICOTTERI E MEZZI 118

“In merito all’esplosione avvenuta sulla via Salaria di un distributore di Gpl è scattato immediatamente il Piano del maxi afflusso feriti. Sul posto sono operativi 8 mezzi del 118 tra ambulanze e automediche e 3 elicotteri per il trasporto dei feriti. E’ stato allertato il Centro grandi ustioni del Sant’Eugenio e i Dea di II livello della Capitale. Tra i feriti vi sono alcuni soccorritori del 118 con ustioni al volto. E’ stata istituita l’Unità di Crisi presso l’Ares 118 di Roma”. Lo rende noto l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, che è in stretto contatto con i soccorritori dell’Ares 118 giunti immediatamente sul posto.

REGIONE LAZIO: MASSIMA ASSISTENZA A 7 RICOVERATI AL SANT’EUGENIO

“Al Centro grandi ustioni dell’Ospedale Sant’Eugenio in questo momento si trovano ricoverati in prognosi riservata 7 feriti nell’incendio divampato nella stazione di servizio sulla via Salaria che sono stati trasportati in elisoccorso e con mezzi dell’Ares 118. I pazienti hanno tutti ustioni tra il 35% e il 50% del corpo. La situazione più complicata è quella di una giovane paziente che oltre alle ustioni ha riportato un trauma da schiacciamento. Il Centro ustioni del Sant’Eugenio è un’eccellenza del Sistema sanitario regionale e nazionale, nel solo 2018 ha già trattato 115 pazienti gravi e gravissimi. Il personale altamente qualificato è rimasto in servizio e sono stati richiamati quelli in reperibilità per garantire la massima assistenza ai pazienti che sono costantemente monitorati e già nei prossimi giorni saranno sottoposti ad interventi di trapianto di pelle. Voglio rivolgere un ringraziamento agli operatori sanitari che con grande professionalità e spirito di attaccamento stanno assistendo nel migliore dei modi i feriti”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, uscendo dall’Ospedale Sant’Eugenio dove, accompagnato dal Direttore generale della Asl Roma 2, Flori Degrassi ha visitato i feriti per verificare la situazione assistenziale. Era presente il primario del reparto dott. Paolo Palombo.

RIETI, DI MAIO: VICINANZA ALLE FAMIGLIE DELLE VITTIME

“Tutta la mia vicinanza alle famiglie delle vittime di Rieti e ai 17 feriti. Un pensiero particolare per i pompieri che erano lì a domare l’incendio e per gli operatori del 118 che stavano prestando soccorso. #Salaria”. Lo scrive su twitter Luigi Di Maio, vicepremier e ministro.

IL CORDOGLIO DI SALVINI: EROICI SOCCORRITORI

“Esplosione a Rieti: almeno dieci feriti e due morti, tra cui un Vigile del Fuoco. Altri sette Vigili del Fuoco sono ricoverati con ustioni di vario tipo. Un pensiero commosso alle famiglie che stanno soffrendo e un grazie, per l’ennesima volta, agli eroici soccorritori. Da ministro faccio e farò di tutto per tutelare le donne e gli uomini che lavorano per la sicurezza degli Italiani, migliorando le condizioni lavorative e aumentando il personale”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

MATTARELLA: CORDOGLIO A FAMIGLIE VITTIME E AUGURI AI FERITI

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha appreso con tristezza la notizia del grave incidente avvenuto nel Comune di Fara Sabina. “Alle famiglie delle vittime – ha sottolineato il Presidente della Repubblica – va il mio sentito cordoglio e ai feriti gli auguri di pronta guarigione”. Il Presidente Mattarella ha inviato anche un messaggio al Capo Dipartimento dei Vigili del Fuoco, Prefetto Bruno Frattasi, nel quale esprime la sua vicinanza e la sua solidarietà per la scomparsa del vigile Stefano Colasanti

Leggi anche:

5 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»