Tav, una delegazione incontra Conte: “Non fermate l’opera”

Industria, commercio e sindacati vanno dal premier Conte a chiedere che i cantieri Tav ripartano

ROMA – Sono arrivati a palazzo Chigi i 13 rappresentanti di associazioni datoriali, sindacati e professionisti della provincia di Torino favorevoli alla Tav. “Siamo qui perchè il 10 novembre siamo andati a incontrare il prefetto a cui abbiamo dato una lettera che conteneva alcune richieste sulla Tav e sulle infrastrutture, con la preghiera di inoltrarla al premier Conte. Di lì si è arrivati all’incontro di oggi. Consegneremo al presidente un documento in cui la principale richiesta è che la Tav non si fermi. Ad oggi i 4-5 cantieri sono fermi”, spiegano i componenti della delegazione che incontreranno Danilo Toninelli, Luigi Di Maio e il premier Conte. Al termine il tavolo pro-Tav terrà una conferenza stampa nella sede della Confapi.

LEGGI ANCHE: In 30 mila in piazza a Torino per dire ‘sì Tav’

Fanno parte della delegazione presente a Palazzo Chigi Corrado Alberto – Presidente Api Torino, Dario Gallina – presidente Unione industriale di Torino, Dino De Santis – presidente Confartigianato Torino, Nicola Scarlatelli – presidente Cna Torino, Maria Luisa Coppa, presidente Ascom Torino, Giancarlo Banchieri – presidente Confesercenti Torino, Giancarlo Gonella – presidente Legacoop Piemonte, Claudio Papa, segretario generale Feneal Uil Torino, Anna Maria Olivetti, segretario organizzativo Fillea Cgil Torino, Gerlando Castelli, segretario generale Filca Cisl Torino, Enrico Allasia presidente Confagricoltura Piemonte, Giuseppe Provvisiero, Ance Torino, Massimo Giuntoli – presidente ordine degli Architetti di Torino e provincia.

Leggi anche:

5 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»