AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE mondo

Lavoro minorile, in Brasile è allarme per quasi due milioni di sfruttati

ROMA  – L’Istituto brasiliano di geografia e statistica (Ibge) rivela in un rapporto che 1,8 milioni di minorenni sono impiegati illegalmente e sottoposti a condizioni difficili e di sfruttamento. Nello studio sono stati censiti 190mila bambini sotto i 13 anni, di cui 30mila di età compresa tra i cinque e i nove.

Secondo la ricerca, la regione più colpita è il Nordest, una delle regioni più povere del Brasile. Molti bambini affiancano i genitori nel lavoro agricolo e nell’edilizia e secondo le statistiche contribuirebbero al reddito della famiglia con l’equivalente di 170 euro in più al mese.

Il lavoro minorile è permesso dalla legge brasiliana al compimento dei 14 anni e, con un contratto di apprendistato, per non più di 25 ore settimanali.

Nello studio i ricercatori dell’Ibge hanno evidenziato la necessità dell’abolizione del lavoro minorile e di interventi più incisivi delle autorità per contrastare il fenomeno.

05 dicembre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988