L’esorcista contro Paolo Bonolis: “No a Marilyn Manson, porterà il satanismo in tv”

ROMA – L’esorcista Don Antonio Mattatelli è intervenuto questa mattina ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano. L’uomo di chiesa ha attaccato Mediaset e la trasmissione Music, condotta da Paolo Bonolis.

Il motivo? L’annunciata presenza tra gli ospiti della puntata di mercoledì prossimo di Marilyn Manson: “Non possiamo sempre stare in silenzio noi uomini di Chiesa. A forza di voltarsi dall’altra parte il mondo è marcito. Su questa cosa di Canale 5 è intervenuta l’associazione internazionale degli esorcisti. La presenza del satanismo in modo plateale in tv in una fascia oraria in cui anche ragazzi e bambini sono collegati alla televisione è un qualcosa di inaudito”, ha dichiarato Mattatelli.

Leggi anche Caso Weinstein, l’esorcista: “Dietro a questi fatti c’è Satana”

“Marilyn Manson è l’icona mediatica più conosciuta del satanismo, esalta la trasgressione come comandamento principale, che ha dedicato non pochi brani e interventi all’esaltazione di Satana, non è giusto darlo in pasto in prima serata. Per vedere e ascoltare alcune cose servirebbe uno spirito critico che in alcune fasce della popolazione manca. Noi siamo in prima linea contro il satanismo, contro chi inneggia al suicidio e all’autolesionismo e sappiamo quanto male certe persone fanno. Come è possibile che Paolo Bonolis non faccia obiezione di coscienza davanti a una cosa del genere? Io invito tutti a spegnere il televisore quando andrà in onda Marilyn Manson su Canale 5. La sua presenza è pericolosa. Soprattutto per gli spettatori più deboli. Per loro potrebbe nascere uno stimolo all’emulazione. Penso soprattutto ai ragazzini e ai giovani. Questo potrebbe portare a forme di satanismo online o a forme di satanismo vero e proprio. Marilyn Manson è un pericolo, per quello che rappresenta”.

L’invito dell’esorcista è diretto a Paolo Bonolis

 “Se si legge la biografia di Marilyn Manson si legge che cuore spezzato abbia nel petto. Magari è così perché è stato poco amato. Ma le sue ferite e i suoi errori non devono essere propagandati a destra e a manca. Caro Paolo Bonolis, io sono un povero prete di campagna e tu sei una persona potente, ma voglio chiederti se esiste o no una questione morale sul piano dei messaggi che si devono lanciare dalla televisione. Un personaggio importante e influente come te dovrebbe fare obiezione di coscienza. Estendo questo appello anche a Luca Laurenti. Non duettare con Marilyn Manson. Lo chiedo al simpatico Luca invitandolo a porsi la questione morale. E’ giusto propagandare messaggi negativi per le giovani generazioni? Invito i fedeli a non guardare quel programma. Non fate vedere ai ragazzi queste trasmissioni con questo personaggio che è ambiguo, distruttivo nei messaggi che manda. Deve essere guarito, non può diventare modello o un esempio”.

Leggi anche Parla l’esorcista: “Merkel e Tsipras strumenti del demonio”

5 dicembre 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»