Referendum, Roma dice ‘no’. Ma il ‘sì’ resiste nel I e II Municipio

referendum_costituzionaleROMA – Con le dovute differenze, nella Capitale il Referendum costituzionale sembra aver restituito un quadro politico molto simile a quello uscito dalle amministrative di giugno.

A Roma il No ha vinto con il 59,42%, lasciando il Sì a quota 40,58%. Una dinamica riscontrata in tutti i Municipi, tranne l’I e il II, dove il Sì alla riforma ha superato il 50%.

Già scampati alla vittoria dei Cinque stelle alle comunali, i quartieri bene al Referendum hanno votato a favore della riforma di Renzi, confermandosi le uniche roccaforti del Pd a Roma.

Nelle 165 sezioni del I Municipio, quello che va dal Centro storico a Prati, il Sì ha prevalso con il 50,54% voti, a fronte del 49,46% dei residenti che hanno votato No. Una vittoria sul filo che ricorda quella che ha consegnato il Municipio a Sabrina Alfonsi (Pd), a giugno confermata presidente con il 50,84% delle preferenze. In quel caso, la sfidante del M5S, Maria Giuseppina Campanini, aveva raccolto il 49,16%. Ma è nelle 153 sezioni del II Municipio, da San Lorenzo e piazza Bologna a Trieste e Parioli, che il Sì ha visto la sua migliore performance, attestandosi al 52,42%, contro il 47,58% del No. Al tempo delle comunali, la dem Francesca Del Bello era diventata presidente con il 51,69% delle preferenze, mentre lo sfidante del M5S, Fabio Fois, si era fermato al 48,31%.

Del resto, il No ha toccato punte del 70% negli stessi quartieri in cui a giugno ha trionfato il Movimento Cinque Stelle.

È successo nel VI Municipio, quello di Tor Bella Monaca, dove il 70,84% dei votanti ha bocciato la riforma costituzionale, lasciando il Sì al 29,16%. Percentuali che ricordano decisamente quelle delle comunali, con l’attuale presidente M5S, Roberto Romanella, uscito vincitore con il 72,88% delle preferenze. In realtà, va ricordato anche che questo Municipio era l’unico con un candidato di centrodestra arrivato al ballottaggio: Nicola Franco, di Fratelli d’Italia, che ha perso la sua chance fermandosi al 27,12%. Stessa cosa per il V Municipio, dove il No ha vinto con il 64,93% dei voti. Nell’area che comprende Prenestino e anche Tor Sapienza, il Sì è rimasto al 35,07% dei voti, confermando il quadro politico uscito dalle comunali, quando Giovanni Boccuzzi del M5S e’ diventato il nuovo presidente con il 67,76% delle preferenze. Il suo avversario dem, Alessandro Rosi, si era fermato al 32,24%.

LEGGI ANCHE

Il ‘no’ trionfa a Latina e Frosinone, ecco i risultati del Lazio

5 Dic 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»