In Iran sanzioni al via tra proteste, migliaia in piazza contro gli Usa

ROMA – Studentesse con il velo e anziani in abiti religiosi, un bambino in piedi sulla bandiera a stelle e strisce e uno slogan onnipresente, esibito su striscioni e cartelli: ‘Down With The Usa’ (Abbasso gli Stati Uniti). Sono alcune delle immagini più rilanciate dalla stampa iraniana per raccontare le manifestazioni con cui in diverse città migliaia di persone hanno protestato alla vigilia dell’entrata in vigore oggi della nuova tranche di sanzioni.

La giornata del 4 novembre rappresenta l’anniversario dell’occupazione dell’ambasciata statunitense a Teheran da parte degli studenti khomeinisti nel 1979, l’anno della rivoluzione che rovesciò lo scià Reza Pahlavi, sostenuto da Washington. Da 39 anni, la ricorrenza è celebrata come Giornata nazionale degli studenti e della Lotta contro l’arroganza globale, ma quest’anno le proteste sono coincise con l’ondata di indignazione suscitata dalle nuove sanzioni.

Queste ultime colpiscono le esportazioni di petrolio e potrebbero danneggiare il Paese ben più di quelle varate ad agosto e volte a colpire l’acquisto di dollari americani da parte di Teheran e a danneggiare il commercio nei settori delle automobili e dei tappeti. Secondo la Banca Mondiale, le esportazioni di petrolio assicurano il 40% delle entrate dello Stato iraniano e sarebbero già diminuite da 2,5 milioni di barili al giorno ad aprile a 1,6 a settembre.

Leggi anche:

5 novembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»