Toscana

Leopolda, pronto a marciare il corteo del ‘no’: “Renzi stiamo arrivando”/FOTO e VIDEO

no_leopolda

FIRENZE – Al grido “Renzi stiamo arrivando” è in corso il concentramento in piazza San Marco della manifestazione “Firenze dice no”. “Non accettiamo divieti, vogliamo arrivare alla Leopolda, l’abbiamo detto nei giorni scorsi lo ribadiamo oggi: non accetteremo il divieto imposto dal questore, anzi dal Governo e da Renzi che sta raccontando un paese che non esiste“. Lo spiega Luca Toscano, tra gli attivisti che hanno organizzato il corteo. Secondo i manifestanti, “il presidente del Consiglio insiste con la sua idea folle verso questa città e il paese. Considera Firenze soprattutto il suo cortile di casa“.

LEGGI ANCHE: Scontri al corteo del ‘no’. Polizia usa lacrimogeni/FOTO e VIDEO

Alla manifestazione aderiscono anche gruppi provenienti da Venezia, il comitato No grandi navi, dalle Marche e dalla Campania: “Siamo qui per rappresentare una realtà sociale che alla Leopolda non esiste”. C’è anche il gruppo “Terre in moto” provenienti dalle zone terremotate delle Marche. “Siamo di Macerata, la nostra presenza qui è molto significativa. Ma è importante dire no alla riforma costituzionale del governo Renzi”. In piazza ci sono collettivi, studenti, sindacati di base, e una rappresentanza dell’associazione vittime Salvabanche, i No Tav, le mamme No inceneritore, il Prc, Tommaso Grassi di Sinistra italiana e capogruppo in Comune di Firenze riparte a sinistra. La piazza è piena di circa 300 persone, ma in aumento. Presenti in forze anche gli agenti in assetto antisommossa.

CORTEO NO AVVISA: “POLIZIA SI TOLGA DA STRADA”

“La Polizia si deve togliere dalla strada, noi siamo il popolo del no e andiamo alla Leopolda”. Lo gridano i manifestanti di “Firenze dice no”, la protesta contro le politiche del governo Renzi e la riforma costituzionale. Le Forze dell’ordine però confermano che il corteo non è autorizzato. Intanto la piazza aumenta di numero, sono appena arrivati anche manifestanti da Viareggio e Massa.

di Diego Giorgi, giornalista

5 novembre 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»