AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE politica

Mafie, Grasso: “Hanno nuova strategia e cambiano pelle, sfida insidiosa da affrontare”

Pietro GrassoROMA – “Abbiamo sconfitto la mafia stragista, quella che per decenni ha insanguinato la nostra penisola e causato un dolore incolmabile al nostro Paese”. Lo afferma il presidente del Senato, Pietro Grasso, che oggi ha preso parte a Palazzo Madama al convegno ‘Contrasto alle mafie: gli strumenti nella dimensione istituzionale nazionale e regionale’, promosso dalla Commissione parlamentare Antimafia. “Oggi però- prosegue Grasso- siamo chiamati ad affrontare una sfida per certi versi ancor più insidiosa. La strategia violenta ha lasciato il passo ad una che aggredisce direttamente il patrimonio e che si insinua nel cuore della pubblica amministrazione. La grande forza delle mafie consiste infatti nella loro abilità nell’adattarsi al contesto socio-culturale ed economico nel quale operano. Cambiano pelle, si inabissano, fanno sparire le proprie tracce attraverso complesse operazioni; sono inoltre in grado di confrontarsi con il mondo globalizzato e al tempo stesso di dominare nelle realtà locali”, termina Grasso.

“L’Italia- dice ancora Grasso- ha maturato una grande esperienza nell’analisi dell’evoluzione del fenomeno” delle mafie: “sono molti i Paesi, e anche l’Unione Europea, che guardano con attenzione e interesse al complesso normativo sul quale poggiano le attività repressive e anche alle modalità attraverso le quali cerchiamo di comprenderne le nuove dimensioni. È un risultato che deve renderci orgogliosi e per il quale dobbiamo ringraziare la magistratura, gli investigatori, le forze dell’ordine e anche le istituzioni come la Commissione Antimafia”.  All’evento di oggi hanno partecipato anche i presidenti di regione Michele Emiliano, Roberto Maroni, Mario Oliverio, Giovanni Toti e Nicola Zingaretti.

 

05 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988