AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Camera ardente in Campidoglio: in fila per l’ultimo saluto a Paolo Villaggio

ROMA – Ci sono già centinaia di persone in fila fuori dalla sala della Protomoteca, in Campidoglio, dove è stata allestita la camera ardente di Paolo Villaggio, scomparso lunedì scorso a causa di una infezione dovuta al diabete. Cittadini di tutte le età hanno voluto portare il loro saluto all’attore genovese, romano d’adozione.

Non poteva mancare, fuori la camera ardente allestita in Campidoglio per Paolo Villaggio, la ‘nuvola’ del ragioniere Ugo Fantozzi, protagonista anche lei nella vita del celebre personaggio inventato dall’attore genovese: un gruppo di fan ne ha portata una con la scritta ‘Lassù non pioverà più’.

LEGGI ANCHE

IL FIGLIO DI PAOLO VILLAGGIO: VOLEVA AMORE DELLA GENTE, ECCOLO

Questo è quello che papà avrebbe voluto: l’amore della gente. Eccolo“. Lo ha detto Pierfrancesco, il figlio di Paolo Villaggio, parlando con i giornalisti durante la camera ardente. Nel pomeriggio la cerimonia alla Casa del cinema. Villaggio, poi, sarà seppellito a Genova. “Vicino ai suoi genitori” ha detto ancora Pierfrancesco.



IL SALUTO A VILLAGGIO, DA BEPPE GRILLO A LINO BANFI

Lino Banfi, ma anche il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, genovese come Paolo Villaggio. Ci sono anche loro tra le persone che hanno portato il loro saluto alla camera ardente allestita nella sala della Protomoteca in Campidoglio, per un ultimo saluto all’attore. Banfi e il ministro si sono intrattenuti con i figli di Villaggio, Elisabetta e Pierfrancesco.

Anche Beppe Grillo ha voluto dare un ultimo saluto a Paolo Villaggio alla camera ardente allestita nella sala della Protomoteca in Campidoglio. Insieme a Davide Casaleggio si è intrattenuto con i familiari dell’attore genovese, per poi lasciare la sala da una uscita interna.

Anche il regista Paolo Sorrentino è stato in Campidoglio per porgere l’ultimo saluto a Paolo Villaggio. Il premio Oscar ha salutato i parenti dell’attore genovese e poi si è fermato per alcuni minuti nella camera ardente allestita in sala della Protomoteca.

Non solo volti noti. Alla camera ardente sono arrivati tra gli altri personaggi dello spettacolo come il presentatore Michele Mirabella, il regista Neri Parenti, l’attore Enrico Montesano. Ma anche moltissima gente comune, di tutte le età, e personaggi che hanno attirato l’attenzione, come un monaco con il saio e un giovane romano, commosso, tifoso della Sampdoria. In onore di Villaggio ha indossato una maglia blucerchiata di Quagliarella.

05 luglio 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram