Ecomafia, Grasso: "Crimini contro ambiente sono furti di futuro" - DIRE.it

Ambiente

Ecomafia, Grasso: “Crimini contro ambiente sono furti di futuro”

grasso1ROMA – “Considero i crimini ambientali veri e propri ‘furti di futuro’ reati gravissimi in quanto privano il Paese e i cittadini della bellezza del territorio e della propria salute”. Pietro Grasso, presidente del Senato, lo dice nel suo intervento alla presentazione di ‘Ecomafia 2016‘, il report di Legambiente sulla criminalità ambientale.

“Credo fortemente che la conservazione e l’investimento nel patrimonio ambientale siano straordinari veicoli di sviluppo economico e di civiltà- dice Grasso- per fortuna, all’emersione, nella legislazione e nella giurisprudenza, di un bene giuridico ‘ambiente’ complesso (che tutela salute, incolumità pubblica, l’ecosistema, i beni paesaggistici e archeologici, lo sviluppo economico) si è accompagnata una forte presa di coscienza collettiva che sta progressivamente radicandosi nei comportamenti e nelle convinzioni profonde dei cittadini, soprattutto dei giovani, che dimostrano una consapevolezza e una maturità che lasciano ben sperare per il futuro”. ‘

Ecomafia 2016′ restituisce “un quadro puntuale e dettagliato delle illegalità ambientali nel Paese dal ciclo dei rifiuti all’abusivismo edilizio, dai delitti contro gli animali e la fauna selvatica alle archeo-mafie, dagli incendi alle agro-mafie, ai reati nel settore delle energie rinnovabili- spiega il presidente del Senato – il volume segnala la diminuzione dell’illegalità ambientale diffusa, ma al tempo stesso la recrudescenza del coinvolgimento della criminalità organizzata nell’illegalità ambientale, che è evidenziato dal fatto che quasi un reato ambientale su due viene commesso nelle quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa, e che ha condotto di recente a gravi attentati e minacce contro gli amministratori pubblici che si impegnano contro gli abusivismi e i crimini ambientali e ai quali rivolgo un pensiero di gratitudine e di solidarietà”.

5 luglio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»