Digitale, con Change Education il rilancio del Paese parte dai più giovani

ApprofonDiRE

Digitale, con Change Education il rilancio del Paese parte dai più giovani

ROMA – Sono tra i pilastri più preziosi lungo il sentiero di crescita di giovani e studenti, ma purtroppo la formazione e l’educazione alla cultura e alle professioni digitali si mostrano come un sentiero non agevole. In particolare, meno del 5% degli studenti universitari dichiara di possedere una conoscenza approfondita sulle tematiche legate all’innovazione digitale (ad esempio, Blockchain, Internet of things, Industry 4.0, ecc.), mentre il 60% dichiara di non averne mai sentito parlare.

Stimoli, esperienze, studio, test, cultura, networking e intraprendenza fanno parte di un toolkit immancabile per studenti che si dovranno affacciare al mercato del lavoro, e il progetto Change Education è la risposta che il Web Marketing Festival – tra gli eventi più completi dedicati all’innovazione digitale in programma dal 21 al 23 giugno al Palacongressi di Rimini – ha dato a questa frattura. Come? Attraverso lo sviluppo di iniziative dedicate in collaborazione e col coinvolgimento di istituti, università, scuole ed enti locali di tutta Italia. Un progetto educativo-formativo fatto di iniziative volte a connettere, con cognizione e consapevolezza, i più giovani con le nuove professioni e gli strumenti digitali che le caratterizzano.

Università di Bologna, Università di Torino, TheSIGN Comics & Arts Academy, Università IUSVE, Polimoda, Accademia di Belle Arti di Roma. Sono solo alcuni degli istituti e atenei di tutta Italia coinvolti all’interno del WMF Lab, una delle iniziative del progetto dedicato agli studenti e avviata tre anni fa.

Il WMF Lab rappresenta un laboratorio vero e proprio, fatto degli strumenti e attrezzi propri del mondo digitale: brainstorming, progettazione, digital strategy e attività operative sono i ferri del mestiere con cui oltre 500 tra studenti e docenti hanno lavorato cooperando a stretto contatto con il team del Web Marketing Festival. Ne è nata una reciproca contaminazione che ha reso possibile la nascita di campagne di comunicazione, di progetti e nuove iniziative, toccando con mano le possibilità offerte dalle nuove professioni digitali. Un obiettivo che, per la prima volta, quest’anno è arrivato anche dentro le scuole secondarie: è il caso degli studenti della scuola I.S.I.S Einaudi-Ceccherelli di Piombino, coinvolti all’interno del progetto Lab per portare la conoscenza digitale anche tra i banchi di scuola.

Digital4Sport

Una contaminazione che si è espansa anche in altre sfere della società, unendo due mondi importanti nella vita di bambini e ragazzi. Questi gli ingredienti che caratterizzano il neonato progetto Digital4Sport, avallato dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) e dal CONI (Comitato Olimpico Nazionale): il Web Marketing Festival entrerà nei prossimi mesi nelle scuole elementari e medie di tutta la penisola, portando lezioni teoriche e sessioni pratiche focalizzate su social network, Internet, social media e sul loro costruttivo utilizzo.
Un mix tra attività laboratoriali a cura dei docenti del Web Marketing Festival, che si uniranno e saranno precedute da sessioni di pratica motoria e gioco-sport curate, invece, da FIGH (Federazione Italiana Giuoco Handball).

Innovazione

Questa la parola d’ordine. Questo l’orizzonte di cui i ragazzi e studenti dovranno farsi driver indispensabili e preziosi. Quello dell’innovazione trainata da giovani e giovanissimi talenti è un panorama ogni giorno più definito, e chiede di essere alimentato. A questo proposito al progetto Change Education si è aggiunta anche l’iniziativa Startup Competition Young, la competizione tra idee imprenditoriali innovative ad impatto sociale dedicata agli studenti tra i 16 e i 22 anni. Una serie di iniziative e una serie di risposte date un leitmotiv che parla chiaro: il rilancio di un paese passa dalle mani dei più giovani.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

5 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»