Governo, Savona: “Io in un angolo? Sì ma è un angolo largo”

ROMA – “Mi hanno chiamato nel passaggio dalla prima alla seconda Repubblica. Adesso mi hanno chiamato nel passaggio tra la seconda e la terza. La quarta repubblica? Essendo sardo, io bevo cannonau…”, dice il ministro delle politiche comunitarie Paolo Savona con la consueta ironia.

A chi gli chiede se sia contento di questa esperienza, Savona risponde: “‘Contento’ e’ una parola grossa. Se avessi avuto 20 anni, sarei contento. Ma a 81 anni uno deve solo servire il Paese“, spiega il ministro interpellato alla buvette di Palazzo Madama.

Savona spiega che sta lavorando a strutturare il ministero, “perche’ era un sottosegretariato” anche in vista del consiglio Ue del 27-28 giugno. “Per fortuna al G7 in Canada ci pensa Moavero…“.

E a chi gli domanda se si senta confinato in un angolo di questo governo, Savona risponde allargando le braccia: “E’ un angolo largo“.

5 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»