Alpaqueros dal Perù in latteria per imparare i segreti del Parmigiano reggiano

BOLOGNA – Una visita in Italia per imparare i segreti del Parmigiano Reggiano. Ma anche per capire come lavorano tra loro agricoltori, produttori e consorzi e come si organizza il lavoro della filiera casearia, nella prospettiva di replicare questa organizzazione lavorativa anche nel lontano Perù, da dove arrivano. E’ questo il senso della visita che gli alpaqueros peruviani – gli allevatori di alpaca – faranno domani alla latteria San Pietro di Valestra, nel Comune di Carpineti, in provincia di Reggio Emilia, dove la produzione di parmigiano viene fatta in modo totalmente artigianale.

L’incontro è stato organizzato da Iscos Emilia-Romagna (ente Cisl per la cooperazione internazionale) e da Cisl Emilia Centrale e l’obiettivo è appunto quello di mettere a punto un piano per promuovere l’imprenditoria e lo sviluppo autosostenibile degli alpaqueros, gli agricoltori del Perù che allevano l’alpaca, il camelide addomesticato tipico delle Ande. 

Gli agricoltori che arrivano dal Sud America visiteranno la latteria artigianale e parleranno direttamente con chi ci lavora proprio per imparare i metodi di produzione artigianale del Parmigiano Reggiano, ma anche per conoscere meglio il sistema di organizzazione del lavoro e della produzione tra consorzi, cooperative e famiglie di produttori. 

Consorcio Alpauero Perù Export è il nome del Consorzio promosso da Iscos Emilia-Romagna, formato da associazioni e cooperative di allevatori peruviani. Finora, grazie all’iniziativa, è stata avviata la commercializzazione ed esportazione diretta dei prodotti di fibra degli alpaca alle aziende tessili italiane. 

Leggi anche:

5 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»