Bologna, inaugurato l'Atomium bolognese di 11 metri/FOTO e VIDEO - DIRE.it

Emilia Romagna

Bologna, inaugurato l’Atomium bolognese di 11 metri/FOTO e VIDEO

BOLOGNA – É partita ufficialmente la settimana #All4thegreen con l’inaugurazione dell’Atomium bolognese, riproduzione del colosso di alluminio riciclato, da 2.000 chili, che si trova a Bruxelles. La versione felsinea non è alta 102 metri come l’originale, ma è altrettanto imponente: 11 metri di altezza, con una base di otto e una circonferenza di nove, è ricoperta di lattine e tappi. Al taglio del nastro erano presenti, oggi pomeriggio in piazza XX settembre, il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, l’assessore all’Urbanistica del Comune di Bologna Valentina Orioli e il direttore generale del consorzio Cial Gino Schiona.

La costruzione dell’Atomium bolognese, che sarà visibile al pubblico fino al 12 giugno, è opera dell’Associazione di volontariato Aido di San Bonifacio (Verona) che, sostenuta da Cial, destinerà il ricavato a scopi sociali. Prima dell’Atomium, Cial aveva già contribuito alla realizzazione di riproduzioni come quella dell’Arena di Verona (1989), del Teatro alla Scala di Milano e del Colosseo. Al taglio del nastro erano presenti anche i volontari di Aido, che sono stati ringraziati personalmente dal ministro dell’Ambiente. “Questo maxi Atomium riciclato di lattine di alluminio ci ricorda quanto sia importante uno smaltimento corretto dei rifiuti- commenta Galletti- Il riciclo dell’alluminio ha permesso, in questi ultimi anni, di raggiungere e superare gli obiettivi previsti dalla normativa europea. L’Italia è al primo posto in Europa con oltre 927mila tonnellate di rottami riciclati”. Il taglio del nastro è arrivato, non a caso, nella Giornata mondiale per l’ambiente. “Atomium rappresenta l’impegno comune per una gestione dei rifiuti sempre più lungimirante- dice Orioli- per garantire un futuro all’ecosistema e alle nostre città”.

di Michele Bonucci, giornalista

(Immagini e video di Davide Landi)

5 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»