San Marino

Banche, Governo: Via libera a trasferimento Asset in Cassa di risparmio

SAN MARINO – Con due delibere datate 31 maggio e 2 giugno, il congresso di Stato ha dato l’ok alla cessione di Asset Banca a Cassa di Risparmio. Entrambi i contenuti dei documenti licenziati sul tavolo dell’esecutivo sono stati resi pubblici nella sezione dedicata del sito della segreteria Affari interni. In pratica la seconda delibera è una rettifica della prima e ne corregge l’oggetto. Il 31 maggio scorso il governo lo definiva “Acquisto di rapporti giuridici individuabili in blocco- Trasferimento a Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino di una partecipazione rappresentante l’intero capitale sociale del gruppo Asset Banca”. Due giorni dopo, l’oggetto diventa “Trasferimento a Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino di rapporti giuridici individuabili in blocco del gruppo Asset Banca”.

La differenza pare sottile, in sostanza, in entrambe le delibere l’esecutivo avvalla “l’auspicio” contenuto nella comunicazione del direttore di Bcsm, Lorenzo Savorelli, riportata nel testo stesso dei documenti. “In considerazione della procedura di amministrazione straordinaria cui è sottoposta Asset Banca- scrive Savorelli al congresso di Stato- al fine di ripristinare stabilità del sistema bancario, ritiene auspicabile il trasferimento a Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino – previo consenso dei soci- di rapporti giuridici individuabili in blocco del gruppo Asset Banca, ad un prezzo da determinarsi tra le parti, con riferimento alle best practices internazionali”. Così, nelle delibere il congresso di Stato “manifesta l’orientamento favorevole alla realizzazione del trasferimento a Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino di rapporti giuridici individuabili in blocco del gruppo Asset Banca, in quanto operazione volta a garantire la stabilità del sistema bancario e alla tutela dei risparmiatori, depositanti, investitori”.

5 giugno 2017
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»