Politica

Lutto nella Lega nord, morto Gianluca Buonanno

Gianluca_BuonannoROMA – E’ morto questo pomeriggio in un incidente stradale nel Varesotto, sulla Pedemontana, Gianluca Buonanno, europarlamentare della Lega Nord e sindaco di Borgosesia (Novara). Aveva 50 anni. Lascia due figli.

IL PENSIERO DI SALVINI – “Non ho parole, in un incidente ci ha lasciato Gianluca Buonanno. Una preghiera. Buon viaggio a una persona leale, coraggiosa, concreta, onesta, generosa, sempre fra la sua gente da sindaco e parlamentare”. Così il segretario della Lega Nord Matteo Salvini sulla morte del ‘europarlamentare Gianluca Buonanno. “Un pensiero ai suoi familiari e alla gente della sua valle. Un impegno: non molleremo mai, anche per Te. Ciao Gianluca, mancherai”, conclude Salvini.

RENZI CHIAMA SALVINI – “Ho appena fatto a Matteo Salvini le condoglianze per la tragica scomparsa di Gianluca Buonanno. Rispetto davanti al dolore e alla morte”. Così il premier Matteo Renzi su Twitter.

IL CORDOGLIO DI BOLDRINI – “Esprimo il più profondo cordoglio mio personale e dell’intera Camera dei deputati per la scomparsa dell’europarlamentare della Lega Nord Gianluca Buonanno, che nella scorsa legislatura e nella prima parte della attuale era stato componente dell’assemblea di Montecitorio. Ai suoi familiari e al suo partito le mie condoglianze più sentite”. Lo ha dichiarato la Presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini

DA FRATELLI D’ITALIA VICINANZA A FAMIGLIA – “Gianluca Buonanno era una persona franca e libera. La sua scomparsa improvvisa ci colpisce molto. Da Fdi cordoglio e vicinanza alla famiglia”. Lo scrive su Twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

IL MESSAGGIO DI TOTI – “Ciao Gianluca. Alla politica mancherà la tua vivacità. Condoglianze alla famiglia e agli amici della Lega Nord”. Lo afferma in una nota Giovanni Toti, presidente della regione Liguria e consigliere politico di Silvio Berlusconi.

5 giugno 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»