Nasce “Europea”, nuova rivista scientifica Unicusano

europea2

ROMA – L’universita’ degli studi Niccolo’ Cusano celebra la festa dell’Europa con una nuova rivista scientifica realizzata grazie al contributo dei docenti dell’ateneo. ‘Europea’, questo il titolo della pubblicazione, vuole essere una raccolta di opinioni e punti di vista su tutto quanto fa Europa oggi. L’intento e’ “coniugare quattro settori disciplinari: la storia contemporanea, la storia delle relazioni internazionali, la filosofia politica e la storia delle dottrine politiche“, spiega il professor Silvio Berardi, docente dell’Unicusano e direttore della rivista insieme al professor Giangiacomo Vale.

La pubblicazione “segue tutti i criteri dettati dall’Anvur ed e’ aperta ai docenti gia’ affermati ma soprattutto ai giovani, in particolare ai ricercatori che si affacciano ora nel mondo accademico”. Ed erano tantissimi proprio i ragazzi, “l’Europa del futuro”, che hanno partecipato alla presentazione della rivista, ospitata dall’Auditorium Giovanni Paolo II del Convitto nazionale Vittorio Emanuele II a Roma. ‘Europea’ e’ composta da un editoriale, saggi e articoli brevi su temi come l’identita’, i principi e i valori fondanti dell’istituzione.

Al suo interno racchiude anche una sezione ‘Osservatorio’ su questioni di attualita’ politica ed economica. Infine, spazio alle recensioni di altri libri che trattano l’Europa in tutti i suoi aspetti. “Questa prima presentazione- sottolinea Berardi- e’ stata fissata a pochi giorni dalla Festa dell’Europa, in programma lunedì 9 maggio, proprio per sancire l’interesse specifico della nostra rivista non solo alle istituzioni comunitarie ma anche a ogni contributo ontologico, storico e filosofico legato all’Europa”. E’ possibile trovare la rivista sulla pagina web ospitata dal sito della societa’ editrice Aracne, dove si trovano tutte le informazioni necessarie per l’abbonamento o per l’acquisto di un singolo contributo o di un singolo fascicolo.

5 Mag 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»