Sociale. MNA, proposto protocollo Garante infanzia-ordini professionali

ROMA – Un protocollo di intesa proposto al Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Lazio, Jacopo Marzetti, dalle rappresentanze giovanili degli Ordini degli psicologi, architetti, ingegneri e avvocati per realizzare una ricerca ‘interdisciplinare’ sullo stato attuale delle case famiglia del Lazio che ospitano i minori stranieri non accompagnati.

Il documento, che sarà una fotografia dello stato in cui versano le strutture sotto i vari profili di interesse dei rispettivi Ordini, “rappresenterà la base per un testo di linee guida finalizzate alla risoluzione delle criticità emerse nella ricerca, anche attraverso l’ascolto di chi vive l’esperienza delle case famiglia proprio per migliorarne la qualità della vita” ha spiegato il consigliere dell’Ordine degli architetti di Roma, Filippo Maria Martines.

L’obiettivo finale, in accordo con le istituzioni e i soggetti coinvolti, è realizzare un progetto pilota di Casa famiglia 2.0 da sperimentare su un campione di strutture che verrà individuato successivamente. “Un progetto interessante che sarò felice di analizzare- ha commentato Marzetti all’agenzia Dire- Accolgo sempre con piacere le iniziative di giovani professionisti che vogliono aiutare altri giovani, soprattutto quando questi ultimi vivono maggiori difficoltà”.

5 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»