Migrante incinta trascinata giù dal treno, intervento choc della Polizia francese a Mentone VIDEO

ROMA – Un intervento choc della Polizia francese a Mentone, documentato in un video girato da tre studenti: l’episodio in questione è accaduto il 16 febbraio (così scrivono gli autori del video), ma da qualche giorno sta spopolando sui social e ha totalizzato già 15.000 visualizzazioni su Facebook nel giro di una settimana. Nel video, la Gendarmerie francese se la prende con una coppia di migranti provenienti dall’Italia, che era a bordo di un treno fermo alla stazione di Mentone-Garavan, poco dopo il confine. Con loro, un uomo e una donna, c’è un bimbo piccolo e la donna è incinta. Ma gli agenti intimano loro di scendere e non lo fanno in modo gentile: la donna, nonostante la gravidanza, viene trascinata giù dal treno dai poliziotti come il suo compagno.

Scendete, dovete scendere!” urlano i poliziotti francesi. “Perche’? Mi avete chiesto se sono un criminale? Sono con mia moglie, è incinta”, replica in inglese il ragazzo ripreso di spalle. Poi i toni si alzano, e la famiglia di migranti, compreso il figlio piccolo e la madre in stato di gravidanza, viene letteralmente trascinata fuori dal treno.

La scena è stata ripresa col telefonino da tre studenti, il 16 febbraio scorso, sullo scompartimento di un treno a Mentone, e da qualche giorno sta facendo il giro del web, suscitando indignazione per i metodi violenti della polizia francese al confine con la Francia.

Secondo la ricostruzione, l’uomo avrebbe rifiutato di esibire i documenti di identità. Tra le urla, i poliziotti francesi avrebbero intimato alla famiglia di scendere, per non farla entrare in Francia. I migranti, infatti, provenivano dall’Italia. Gli autori del video hanno spiegato al quotidiano ‘Nice Matin‘ che i gendarmi una volta saliti sul treno hanno “cercato le persone di colore e le hanno controllate. Ma davanti alla famiglia e alla donna incinta hanno voluto applicare il protocollo, senza nessuna umanità. E’ stato assurdo spiegano – erano minacciosi e
violenti. La maggior parte dei passeggeri è rimasta scioccata, qualcuno è andato via, per non vedere quello che stava succedendo”.

Dopo la messa online del video la Crs, il corpo di polizia francese ha replicato in una nota: “Se c’è qualcosa di violento in quel video non arriva dalla polizia. E’ stato il comportamento anormale delle persone interpellate a condurre le forze dell’ordine a fare un uso proporzionato della violenza”.

5 Aprile 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»