Sanità

Roma. Umberto I, firmato protocollo Regione-Anac per i lavori di ristrutturazione

Policlinico umberto I ospedale pronto soccorso

ROMA – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, e il presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, hanno sottoscritto il protocollo di vigilanza collaborativa degli appalti relativi ai lavori di ristrutturazione dei padiglioni del Policlinico Umberto I per i quali è previsto un piano complessivo di spesa di circa 240 milioni di euro.

Saranno oggetto di vigilanza collaborativa quattro appalti tra quelli di maggior importo economico relativi ai lavori di ristrutturazione dei padiglioni del Policlinico Umberto I, i cui bandi verranno pubblicati nel periodo di vigenza del protocollo. È stata la Regione Lazio, primo ente italiano a firmare lo scorso 12 febbraio 2015 un Protocollo con Anac per rendere più efficaci le misure di lotta alla corruzione e ai fenomeni criminali, ha chiesto il rinnovo del protocollo con l’Autorità Nazionale Anticorruzione per un così importante intervento nella sanità del Lazio.

Il protocollo, della durata di un anno, disciplina lo svolgimento dell’attività di vigilanza collaborativa preventiva, finalizzata a verificare la conformità degli atti di gara alla normativa di settore, all’individuazione di clausole e condizioni idonee a prevenire tentativi di infiltrazione criminale, nonché al monitoraggio dello svolgimento della procedura di gara e dell’esecuzione dell’appalto. Dopo i primi sei mesi dalla sottoscrizione del protocollo la Regione invierà all’Autorità un report dei contratti nei quali saranno state contestate violazioni delle clausole e condizioni predisposte nei bandi per prevenire tentativi di infiltrazione criminale, e dopo un periodo intermedio di tre mesi la Regione Lazio invierà all’Autorità un primo report relativo ai procedimenti/contratti che sono stati oggetto di vigilanza.

5 aprile 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»