AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE giovani

Ecsite a Città della Scienza per ricordare il 4 marzo

ROMA – Il linguaggio della scienza valica le barriere. Da sempre. Come da sempre è riconosciuta e riconoscibile la solidarietà insita nel mondo scientifico. In occasione dell’anniversario del rogo di Città della Scienza, la comunità che compone rete europea degli science centre e musei – Ecsite – ha scelto proprio lo science center napoletano per riunire il suo board. A sovraintendere all’appuntamento è stata la presidente dell’Ecsite, Rosalia Vargas, presidente del Pavilhão do Conhecimento – Ciência Viva in Portogallo.

“Excite è un’organizzazione internazionale, principalmente europea, all’interno dell’associazione, fra i membri, ci sono molte istituzioni. Fra queste c’è anche Città della Scienza, dove noi siamo oggi per ricordare anche quel che è successo ieri”. Così la Vargas, che aggiunge: “il nostro obiettivo è di parlare ad un pubblico più largo possibile, ma in particolare ai più giovani, loro sono un pubblico speciale per noi, perchè nella nostra società, nei nostri tempi, la scienza è un buon punto di partenza per rivolgersi agli altri”. “Il ruolo della scienza nella società è anche quello di rivolgersi ai giovani per coinvolgerli sempre di più nelle istanze della nostra società, i giovani hanno una particolarità: sono molto generosi e vogliono fare cose. Loro vogliono veramente aiutare ed essere coinvolti per essere creativi e i centri di scienza come questo sono il posto giusto per farlo, anche con loro”.

A Bagnoli, con la Vargas altri rappresentanti del Consiglio di amministrazione di Ecsite, tutti pronti a ribadire la propria vicinanza e quella delle istituzioni che rappresentano al polo scientifico napoletano.

Sin dai giorni seguenti l’incendio, infatti, la direttrice dell’associazione, Catherine Franche e l’allora presidente Robert Firmhofer, erano accorsi a Napoli per testimoniare la costernazione della comunità internazionale di fronte all’incendio doloso e la solidarietà per ripartire presto. Da parte di Ecsite arrivarono parole di solidarietà cui in questi due anni si sono aggiunte altre forme di sostegno: dal prestito di elementi espositivi, alla realizzazione di eventi in varie istituzioni.

Ecsite conta 400 membri, tra musei Science Centre ed istituzioni che accolgono nel loro complesso ogni anno più di 40 milioni di visitatori europei.

05 marzo 2015

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988