Regione Lazio e Arsial al Fruit Logistica di Berlino: “Nostre eccellenze in mostra”

All’interno dello stand del Lazio troveranno spazio i produttori locali che avranno modo di far provare ogni tipo di specialità
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La Regione Lazio, in collaborazione con Arsial, partecipa nuovamente al Fruit Logistica di Berlino, la più grande fiera internazionale dell’ortofrutta. Dal 6 all’8 febbraio saranno presenti in Fiera aziende da tutto il mondo, dalla piccola e media impresa ai global player. Regione Lazio e Arsial porteranno alcune delle realtà più significative in rappresentanza dei prodotti tipici del nostro territorio.  Lo comunica in una nota l’assessorato Agricoltura, Promozione della Filiera e della Cultura del Cibo, Ambiente e Risorse Naturali della Regione Lazio.

All’interno dello stand del Lazio, presso il polo fieristico della Messe (HALL 4.2 BOOTH D-07), troveranno spazio i produttori locali che avranno modo di far provare ogni tipo di specialità: dal pinzimonio con carote, ai finocchi romaneschi, dal sedano con gli oli Dop del Lazio, al pomodoro Torpedino, all’asparago verde di Canino, le zucchine romanesche, i funghi di Cisterna di Latina, il carciofo romanesco del Lazio o il melograno di Fondi. 

Nello spazio espositivo della Regione Lazio, verrà offerto, per l’intera durata della manifestazione, un programma di animazione creato per valorizzare i prodotti e le imprese partecipanti, a cura del giovane Chef Francesco Capirchio, che darà vita a una proposta gastronomica in grado di esaltare tutte le caratteristiche delle diverse produzioni. Si tratterà di veri e propri laboratori durante i quali lo chef, originario di Campodimele in provincia di Latina, proporrà anche frullati e centrifughe da offrire ai visitatori dello spazio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

5 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»